GRAZIE A FACEBOOK SI RITROVANO NUOVI AMICI DI SCANZANO

Un bel pranzo domenicale all'insegna del buon cibo e di tanti bei ricordi

0
401
raduno ragazzi di Scanzano

Eravamo in località San Martino, Foligno, presso l’omonimo agriturismo, alle pendici del Monte di Pale, da dove si scorgeva una bella veduta della campagna folignate. Le new entry di questo quarto raduno sono stati: Maria Assunta, Galliano, Ilario e la moglie Samantha, Danilo con la consorte Fabiola, la sorella Angela e il cugino Angelo di Milano, Francesca, Annamaria, “le fije de lu carabbiniere” con la mamma Gina e Goffredo, (il bravo fotografo ufficiale di Scanzano). Erano inoltre presenti i veterani: Piera, Moreno, il sottoscritto, Mario e Franco da Terni, le sorelle Francesca e Maria Vera, mie ex vicine di casa.

Personalmente mi ha fatto molto piacere rivedere dopo 48 anni, Danilo e Angela Lupparelli, e il cugino Angelo, (Danilo mi ha insegnato a tirare i primi calci al pallone) e abbiamo ricordato i derby calcistici fra Vescia e Scanzano, oltre a Francesca e Annamaria Focanti insieme alla loro Mamma, mi ha fatto piacere ritrovare Ilario Lori, ora sposato e con un bellissimo bambino. Il momento di maggior tristezza è stato il ricordo del compianto Walter Pipistrelli, scomparso giorni fa, un ragazzo buono e mite famoso per le sue genialità nei giocattoli che costruiva da solo e che tutti imitavamo. Mi ha colpito anche il ricordo di Luca Gammaidoni e Mario Trsciatti, (i “dannefici”, in senso buono di Vescia), prematuramente scomparsi, come rammentato da Moreno Corradetti.

Il dopo pranzo è stato allietato dalla recita delle poesie su Scanzano, scritte da Maria Vera Speranzini, diventata ormai la poetessa ufficiale del nostro piccolo Paese, versi in rima che sono un vero tuffo nel passato e che empiono cuore e mente di emozioni e nostalgia. Per paradosso della vita, quando sei bambino vorresti diventare grande e quando lo sei diventato vorresti tornare bambino…

Infine è stato deciso e realizzato da Piera Speranzini, un gruppo WhatsApp chiamato “amici paesani”, aperto a tutti gli Scanzanesi reali, importati o con cittadinanza onoraria, una bella idea per rimanere sempre in contatto.