Parodia del Tifoso Perugino che non festeggia San Valentino

Una simpatica scenetta tra amore e campanilismo tra Perugia e Terni

0
703
Curva Nord Perugia
Curva Nord Perugia

‘l Vero Perugino nun festeggia San Vlentino!

Costanzo domanda tal su babbo: “Babo! T’ho da chiede ‘n gran favore…”
‘l babbo ‘ncuriosito e col core ‘n tle mani risponne: “Costanzo ‘l mi’ cocco, dimme tutto, l’ sé, te vojio bene e per te faria ‘gni cosa, dimme, dimme pure, sò tutt’orecchie…”
“Sente babo, c’ho sedec’anne, c’ho la frega e la vorria porté a cena per festeggié San Vlentino che è ‘l Santo deji ‘nnamoréti, me dariste cent’euro pe ‘sta cena?…”

‘l babbo, geléto pe ‘n momento da la scappata del fio, s’alza de scatto dla sedia, tutt’ roscio paonazzo ‘n tla faccia e, ‘cazzéto nero come ‘na biscia ‘n calore ji’arisponne: “Costanzo ma se diventéto scemo? N’el sé che ‘l Vero tifoso Perugino nun festeggia San Vlentino?… Io nun te do propio gnente, anze, si vengo arsapè ch’é festeggéto San Vlentino, te caccio de chésa e vé a dormì da la tu nonna, e nun me fa bestemmié… Porca… Che pù ce fa rima ‘nco….
Costanzo dispréto, a quil punto ‘mplora ‘l su babbo: “Ma tu, prima, m’é ditt’ che me vol bene e che per me fariste ‘gni cosa…”

‘l babbo ‘mpietosito alora arisponne: . “Facem cussì, si tu lassi perde co’ ‘sta nanna e nun festeggi San Vlentino, io te prometto che te do i solde per festeggé l’nomastico e anco ‘l compleanno de ‘sta frega! T’ pol gi bene?…”
Costanzo arisponne contento com ‘na Pasqua: “Grazie babo, si me va bene? Me va de lusso!!!”

Però, qualcosa tal babbo de Costanzo ‘n gne sonava tant’ bene, tutta ‘sta facilità a convinc’lo i puzzeva ‘mbel pò e alora i chiese: “Sente ‘n po’, ma quan’ sariono l’nomastico e ‘l compleanno de ‘sta frega?…”
Costanzo ridenn’ sott’ i baffe arisponne: “Oh bà… l’on chiaméta Valentina perché è néta ‘l 14 de febbraio, ‘l giorno de San Vlentino…”

Tal su babo alora ji pia ‘l matto, ariscatta ‘n’antra volta dla sedia, ardiventa anco ‘sta volta tutt’ roscio paonazzo e ji fa: “Porca la mi’ nonna, m’é freghéto, delinguente… Ma de do é ‘sta frega?”
E Costanzo imbarazzéto ji’arisponne: “ Hi-hi… Io ‘n tel vorria dì ma… è de Terni…”

‘Nto ‘n’attimo l’atmosfera se gela… ‘na tenzione che se taja col curtello pietrifica Costanzo che teme ‘l peggio e pù, an cert punto, ‘l babbo de Costanzo se ‘llumina, apre bocca e commosso je fa:

“Fio mio, sò stéto ‘n gran coijione ma tu m’é déto ‘na bella lezione… l’Amore nun c’ha ne città ne colore!!!”

Poi p’ro, pe ‘n fasse vedè trop tenero ‘sclamò: “E adé, bada a gì… e stetece ‘nco la testa, che ‘nne scappasse fori gravda che io ‘n’ho vojia de mantne ne ta te, ne ta lia… ‘ntesi?”

E cussì “Gostanzo” ‘l perugino e “Valindina” la ternéna, girono a cena e festeggérono ‘gni cosa ‘nto na ‘sera (e ce sem capiti penzo, no?).