Alla scoperta del Museo archeologico nazionale dell’Umbria: un gioiello nel cuore di Perugia

Inserito nel sito del Ministero della Cultura

0
223
l'immagine è presa dal sito ufficiale

L’Umbria, una regione incantevole nel cuore dell’Italia, ospita una perla nascosta nella sua capitale, Perugia: il Museo archeologico nazionale. Situato nell’ex convento di San Domenico, questo museo porta i visitatori in un viaggio attraverso la storia e l’archeologia, offrendo un panorama senza precedenti sulla ricchezza e la diversità della regione.

Storia e Architettura: dall’antico convento alla moderna istituzione

Nel corso degli anni, l’ex convento di San Domenico ha subito numerose trasformazioni. Questo affascinante edificio, un tempo luogo di fede e devozione, ha attraversato secoli di storia, mutando la sua funzione in base alle esigenze storiche e sociali.

La trasformazione del complesso conventuale

  • Origini: Fondato come chiesa nel Duecento.
  • Era napoleonica: Divenne una caserma militare, con la cavalleria sistemata nel chiostro maggiore.
  • Dopo la Seconda Guerra Mondiale: Ospitò prima le milizie tedesche e poi le truppe alleate, diventando successivamente un rifugio per i profughi.

Il Museo oggi

Nel 1945, l’edificio venne ceduto al Comune di Perugia e trasformato in una dimora culturale. Ospita ora l’Archivio di Stato e i Musei Civici, offrendo ai visitatori una straordinaria combinazione di architettura e storia.

Le preziose collezioni: un viaggio nell’archeologia umbra

Le sale del Museo archeologico nazionale dell’Umbria custodiscono tesori inestimabili, frutto della storia millenaria di questa terra.

Gli Etruschi e la loro eredità

Il museo vanta una delle più ricche collezioni di reperti etruschi in Italia. Tra i pezzi più significativi:

  • Sarcofago dello Sperandio
  • Bronzi arcaici da Castel San Mariano
  • Ricostruzione dell’ipogeo dei Cutu

La sala dei bronzi e le civiltà dell’Umbria

In questa sezione, i visitatori possono esplorare le dinamiche delle civiltà degli Umbri e degli Etruschi, due popolazioni che hanno influenzato profondamente la storia dell’Umbria.

Oltre gli Etruschi: la preistoria e la proto-storia

Non solo Etruschi: il museo offre anche una panoramica sulla preistoria dell’Italia centrale, con materiali provenienti da regioni come Umbria, Toscana, Marche e Abruzzo. Una testimonianza di come la storia dell’Umbria sia intrecciata con quella delle regioni limitrofe.

In conclusione, il Museo archeologico nazionale dell’Umbria è più di un semplice museo: è un viaggio attraverso il tempo, un’opportunità per immergersi nella storia e nella cultura di una delle regioni più affascinanti d’Italia.

maggiori info :https://cultura.gov.it/luogo/museo-archeologico-nazionale-dell-umbria

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui Social