PAOLO GENOVESE ALLA GUIDA DI UMBRIA FILM COMMISSION

Il regista, dii origini marscianesi, con seconda casa a Todi, sarà affiancato da un cda con quattro consiglieri, tra i quali anche l'imprenditrice tuderte Lidia Vizzino

0
140
Paolo Genovese
Paolo Genovese

A guidare la Fondazione, Umbria Film Commission, fondata da Regione, Comuni di Perugia e Terni e dall’Anci Umbria, è stato chiamato il regista Paolo Genovese, che da anni ha scelto Todi come seconda casa e che ha origini legate a Spina di Marsciano.

Ad affiancarlo Genovese saranno altri quattro consiglieri, tra i quali figura un’altra tuderte, Lidia Vizzino, proprietaria di una struttura ricettiva vicino a Todi e con incarico a location manager. Altri membri sono: Daniele Corvi, patron del Love Film Festival, e di Maria Rosi, ex consigliera regionale di Forza Italia, e Nicola Innocenti, esponente della sezione cinema della Cna.

Obiettivo della Fondazione

Obiettivo di Umbria Film Commission, è quello di portare nella nostra regione produzioni cinematografiche sia italiane che estere, per dare maggiore visibilità alle nostre bellezze artistiche, paesaggistiche e naturali. In sintesi quello che già accade da anni in Toscana, di cui tale regione sta raccogliendo i frutti in ambito di notevoli afflussi turistici.

Partecipanti e relative quote economiche

La dotazione economica iniziale dell’Umbria Film Commission è stata versata per il 60% dalla Regione (30 mila euro) e per il resto dal Comune di Perugia (9 mila euro), da quello di Terni (6 mila euro) e dall’Anci (5 mila euro).

Per quanto riguarda invece le quote annuali, la Regione Umbria ogni anno stabilirà un importo da destinare alla Fondazione, mentre Perugia e Terni garantiranno 20 centesimi di euro per abitante (circa 33 mila euro il primo e 22 mila il secondo), mentre Anci verserà 10 mila euro.

La partecipazione alla Fondazione sarà aperta anche ad altri soci che si riconosceranno nelle finalità istituzionali.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui Social