Consigli per camperisti: Gubbio -PG-

La città famosa per la Corsa dei Ceri, offre una suggestiva atmosfera medievale

0
1464
Gubbio la città dei Ceri
Gubbio la città dei Ceri

Gubbio è forse una delle città che ha conservato più intatto il suo spirito medioevale, poderosamassiccia, conserva ancora oggi quel “carattere” che altre città hanno perso sia per vicende storiche sia per esigenze turistiche.

La storia di Gubbio è un pò anche la storia dell’Umbria, se pensiamo che proprio a Gubbio sono state rinvenute le famose “Tavole Eugubine“:
sette tavole in bronzo con iscrizioni nell’antico alfabeto umbro e latino.

Del periodo romano resta un teatro molto ben conservato visibile fuori città, mentre le torri sulle pendici del monte Ingino che sovrasta la città sono di origine bizantina.

Il teatro e le fortificazioni sono solo due strutture tra le tante presenti nella città.
Degno di nota è il Palazzo dei Consoli, eretto su una piazza pensile sorretta da enormi arcature, dalla quale si gode di un panorama mozzafiato specialmente al tramonto; o ancora il Palazzo Ducale,  costruito nel 1470 dopo la venuta di Federico da Montefeltro.

A parte questi luoghi precisi da visitare e ammirare in città, una semplice passeggiata tra il dedalo di vie del centro storico è sufficiente per immergersi totalmente in un’atmosfera dal sapore antico; sembra quasi di respirare un’aria vecchia di secoli.
Nonostante l’imponenza della città, quasi statica, la vita culturale di Gubbio è in continuo fermento: come infatti non ricordare la famosa Corsa dei Ceri, manifestazione unica nel suo genere in tutta Italia, dalla quale discende anche il simbolo della Regione Umbria, e come non citare l’Albero di Natale più grande del mondo costruito con decine e decine di lampade lungo il fianco della montagna, e come non parlare del presepe a grandezza naturale che tutti gli anni riempie un intero quartiere con decine e decine di statue tutte diverse. Non dimentichiamoci poi che Gubbio secondo la tradizione cristiana è la città dove S.Francesco ammansì il lupo.

Gubbio viene definita anche la “città dei matti“, questo a causa della creatività e della risaputa imprevedibilità dei suoi abitanti.
C’è come usanza quella di conferire la “patente di matto” a colui che compie tre giri intorno alla “Fontana del Bargello” (o fontana dei matti).

Ultimamente la città ha aumentato la propria visibilità a livello nazionale anche grazie alla serie televisiva “Don Matteo“, ambientata proprio a Gubbio.

Il clima di Gubbio è piuttosto rigido e spesso ventoso, si suol dire infatti: “A Gubbio, sei mesi di freddo
e sei mesi di fresco”, provare per credere!

Potrebbe interessarti anche: Consigli per i camperisti Cerreto di Spoleto e dintorni