Rossellini al PostModernissimo

La rassegna dedicata al grande cineasta vedrà ospiti di rilievo e film epocali

0
677
Roberto Rossellini e la sua gatta

Il 2018 al PostModernissimo si apre con la più importante retrospettiva realizzata in questi primi di vita del cinema perugino, dedicata al cinema di Roberto Rossellini.
Dieci appuntamenti con altrettanti critici, storici e studiosi per approfondire la grandezza di un cineasta senza tempo.
In sala torneranno opere fondamentali: da Paisà al documentario India, da La presa del potere di Luigi XIV a La macchina ammazza cattivi, cercando di comprendere in profondità il lavoro del più grande regista italiano.
Si partirà lunedì 8 gennaio alla presenza di Lorenzo Esposito, direttore della rivista online “film parlato”, autore di Fuori Orario e membro del comitato di selezione del Festival di Locarno.
Alle 21.30 verrà proiettato Paisà, considerato una delle vette del cinema neorealista italiano.
Nelle prossime settimane a Perugia arriveranno anche il regista Renzo Rossellini (figlio di Roberto e fondatore di Radio Città Futura), Daniele Dottorini (membro del comitato di selezione al Festival dei Popoli di Firenze), Roberto Silvestri (critico storico de Il Manifesto e di Alias, voce di Hollywood Party), Adriano Aprà (fondatore della rivista Cinema e Film e già direttore della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e della Cineteca Nazionale), Donatello Fumarola (autore di Fuori Orario cose (mai) viste e fondatore della distribuzione indipendente Zomia), Daniela Turco (redattrice di Filmcritica e docente di storia del cinema presso l’Università degli Studi di Genova).
Sarà possibile anche acquistare un abbonamento a tutte le proiezioni, che si svolgeranno ogni lunedì fino al 12 marzo, al prezzo ridotto di 60€.

Jean Vigo

Al via anche la rassegna del martedì, con due appuntamenti il 9 e il 16 gennaio, e avrà come protagonista Jean Vigo, ribelle e geniale cineasta francese morto ad appena 29 anni. Al PostMod l’omaggio integrale alla produzione, purtroppo limitata a solo 2 cortometraggi e 2 lungometraggi, che però hanno segnato indelebilmente la storia del cinema; la sua opera esce in sala in nuovi restauri che la restituiscono alla sua purezza originaria.
Questo martedì, 9 gennaio, il pubblico potrà rivedere l’anarchico, irriverente e surreale Zero in condotta insieme ai corti À propos de Nice e Taris. Il 16 toccherà all’immortale L’Atalante, inno alla giovinezza eterna dell’amour fou. Le proiezioni sono previste per le 21.30.

Intanto la programmazione del PostModernissimo vede al centro due opere imperdibili, in assoluta esclusiva, che stanno conquistando il pubblico perugino. La prima è Corpo e Anima, vincitore dell’Orso d’Oro all’ultima Berlinale e indiscutibilmente il film d’essai di questo gennaio. Inoltre è arrivata nel capoluogo umbro la black comedy campione d’incassi in Gran Bretagna, Morto Stalin se fa un altro, presentata in anteprima all’ultimo Torino Film Festival.

Tutte le informazioni dettagliate sui film in programmazione e le iniziative speciali sono disponibili sul sito web ufficiale www.postmodernissimo.com, dove è anche possibile acquistare in prevendita i propri biglietti.