Riscoprire Todi attraverso il “Festival delle Arti 2020”

Fino al 20 settembre ricche suggestioni e molto altro

0
79

Installazioni, performances atte ad omaggiare la memoria di Beverly Pepper, famosa scultrice americana.
Arte, testimonianze di esponenti istituzionali, amici e familiari. Brindisi finale tra le colonne di Todi.
Il Festival propone un ricco programma di eventi a ingresso gratuito; il parco monotematico di scultura contemporanea un omaggio alla sua maestosa e prorompente produzione artistica.
“La scultura, quando trasforma il luogo in cui è posta, ha veramente una valenza testimoniale del proprio tempo, riesce ad improntare di sé un contesto, per arricchirlo di ulteriori stratificazioni di memoria”. (Arnaldo Pomodoro).
Beverly Pepper, tra le più grandi scultrici del Novecento, nata a Brooklyn si trasferisce per oltre cinquant’anni a Todi, diventandone cittadina onoraria; muore a 97 anni nella stessa città umbra, contenitore per eccellenza delle sue eclettiche installazioni monumentali e opere di Land Art.
Nota fin dagli anni Sessanta per le sue sculture monumentali e architettoniche in ferro, acciaio e pietra è riuscita abilmente a fondere le proprie creazioni in un delicato equilibrio tra materia, forme, poesia che trovano una linea mistica all’interno di uno dei primi parchi di scultura contemporanea realizzati nel territorio umbro e il primo al mondo intitolato proprio all’artista.
Con queste parole commentava la Pepper il magico scenario…” Il Parco è come una grande porta, che cela tante possibilità a coloro che vorranno aprirla. Sento di aver dato alla città una nuova energia, sento di aver trasmesso coraggio e vitalità. Molte delle mie opere monumentali vanno verso il cielo, cercano un legame con il paesaggio. Mi piacerebbe che accompagnino chi le guarda verso questa sensibilità, la percezione dello spazio che penetra l’osservatore attraverso la materia, la natura e la storia”.
Todi 18-19-20 Settembre, “Festival delle Arti”; riscoprire la città Umbra in un fine settimana che propone performance a tutto tondo teatrali e musicali, elaborazioni artistiche, realizzazioni di alto artigianato, mostre diffuse disseminate in oltre venti location diverse, tra cui soprattutto il Parco di Beverly Pepper, in stretta collaborazione con il Comune di Todi e la Beverly Pepper USA Foundation.
Un format avvincente dove i protagonisti nazionali ed internazionali riescono a creare un forte impatto sul pubblico e sul territorio, sinergie che incoraggeranno giovani talenti in uno scambio innovativo che valorizzerà l’utilizzazione pubblica dei luoghi dell’arte; sessant’artisti le renderanno omaggio echeggiando scie luminose alla sua memoria.
Il sindaco Antonino Ruggiano afferma…”sarà senz’altro una testimonianza di come l’arte e la cultura siano la strada maestra per custodire le nostre radici e tradizioni, garantendo ad esse futuro e benessere”…linfa vitale per gli animi di coloro che vi presenzieranno.
Profonde ed intime le testimonianze di esponenti istituzionali, amici e familiari, tra piazze, androni dei palazzi storici e il Parco Beverly Popper, dove il suggestivo verde si estende per due ettari in cui la scultrice ha inoltre ideato delle panchine-scultura, nominate “lunette”, realizzate in pietra serena che permettono di elevare la contemplazione, ammirare meditando le opere, sostare, ascoltare la natura e farsi rapire da quelle emozioni indefinite che solo l’arte riesce ad infondere; un’ammaliante bellezza fusa tra gli scorci medievali, l’arte contemporanea e il fascino del contesto paesaggistico.
L’uomo viene scosso in una ricerca interiore che tende all’infinito, al di là del cielo, sorpassandolo con la maestosità di tanta grazia ed opere disarmanti.