Moda: le tendenze beachwear 2018

Costumi da bagno ricchi di fantasie e con tessuti altamente tecnologici

0
1164
beachwear
beachwear
La parola d’ordine per gli stilisti, anche per il beachwear, è sempre la stessa, ossessiva e univoca: -colpire- nel senso di sorprendere  il più possibile e per la moda-mare dell’estate 2018 sembra quasi urlata sia con i tessuti che con le loro declinazioni di stampe e colori.
I must per il capo protagonista assoluto della spiaggia, ci vengono proposti o anche imposti, da  -Maredamare-, (il salone internazionale del beachwear), in programma a Firenze dal 14 al 16 luglio, giunto alla sua undicesima edizione.

Trend powerfull rainforest

Quando la natura imperversa con tutta la sua forza di colori e di immagini: stampe floreali e faunistiche dai toni saturi e maestosi.
stampe natura
Stampe natura
Una esplosione di colori che sembrano concentrarsi in un sussulto continuo  di gioia. Si tratta di vere e proprie tele d’autore stampate che attirano l’attenzione anche dei più distratti osservatori.

Trend ippie boho

Un viaggio a ritroso in tempi lontani nel passata e nel futuro, alla scoperta di terre inedite e inaridite  dal sole, con  segni e disegni grafici presi in prestito da universi inesplorati, se non dalla fantasia e dalla immaginazione.
Stampe terre bruciate
Stampe terre bruciate
Da questa idea nascono incontri apparentemente improbabili, una miscela di stampe a volte audaci o timide, comunque molto originati da accostamenti sublimi e a tratti anche  irriverenti.

Trend artistic geometries

L’elogio delle grafiche, dei disegni geometrici che donano anima alle  superfici, dove nulla sembra scontato. La sorgente è minimalista e non convenzionale, a tratti  anche audace. Micro e macro motivi dosati con certosina sapienza per dare nuovi dinamismi agli spazi, un lusso ricercato a cui si accede attraverso uno studio accurato su geometrie inedite o inesplorate.

Trend sport couture

La seduzione trae spunto dall’energia sportiva. Una declinazione raffinata presa in prestito dall’universo tecnico e athleisure. Gdrafiche minimali, color block o piccoli all over quasi impercettibili per lasciare spazio alle performance dei tessuti. I tagli sono semplici. Bikini e interi ispirati agli sport in acqua e sulla spiaggia.

Tra le grandi novità vanno segnalate

 La stampa Phantom ideata dalla comasca Taiana. Il costume sembra monocromatico quando è asciutto ma non appena lo si bagna escono magicamente le stampe per una metamorfosi sorprendente. Fino a che il costume non tornerà asciutto le stampe saranno molto visibili. Ideale per chi è indeciso sull’unito o sullo stampato. Sempre dalla stessa azienda nota per il suo carattere innovativo segnaliamo il tessuto FlyFree di derivazione militare ovvero il primo tessuto moda che tiene lontane le zanzare.
– Il costume che rinfresca. Questa è forse la novità più importante che arriva dal mondo dei tessuti mare. Messa a punto dalla multinazionale Israeliana Nilit (leader mondiale nel Nylon 6.6) si tratta di una tecnologia che ha richiesto anni di collaudi e sperimentazioni per arrivare ad una fibra chiamata Sensil Breeze per un tessuto performante, leggero e morbido che protegge dai raggi UV e attiva una speciale ventilazione garantita dalla sezione smussata del filato e da una proprietà intrinseca con effetto perenne. Fino a pochi mesi fa prerogativa dei marchi sportivi oggi arriva in spiaggia. L’effetto è più sentito chiaramente con il costume intero.
– Il costume che simula la pelle dello squalo. Messo a punto dallo storico Maglificio Ripa è un tessuto jacquard che imita perfettamente la pelle dello squalo per garantire una straordinaria idrodinamicità ai costumi da bagno e si asciuga in qualche secondo.
– Il costume da bagno con dettagli stampati 3D. Prima di arrivare tra un paio di anni al costume stampato completamente in 3D e che magari se dimenticheremo a casa potremo stampare in hotel (basterà portarsi una chiavetta) iniziano a impazzare i costumi con dettagli 3D. Si tratta di porzioni o accessori stampati con le tradizionali stampanti tridimensionali.
– La tendenza underbeach per le più pigre. Fortissima e molto apprezzata si tratta di un ibrido tra mare e intimo (con stampe e pizzi) che rappresenta un crossover tra i due mondi. Stampe delicate, pizzi che resistono al sale e all’acqua e un fitting perfetto. Coniugano l’eleganza e la delicatezza delle stampe con le performance del costume.