Bettona: torna, restaurato, il Cristo adagiato sul Catafalco

Lo annuncia la Confraternita della Buona Morte

0
180

Riceviamo e pubblichiamo

I confratelli della Confraternita delle Buona Morte di Bettona in data 9 aprile 2022, dopo un lungo restauro conservativo eseguito dalla società KEO Restauro, riporteranno il Cristo ed il Catafalco  nella propria “casa”: la chiesa della Buona Morte di Bettona.

Sarà possibile vedere le opere nel loro pieno splendore a far data dal prossimo 10 aprile, giorno della benedizione da parte del Parroco don Maurizio Saba, che avverrà subito dopo la messa delle ore 11:00, ovviamente tutti sono invitati alla celebrazione. Il Cristo è certamente espressione dell’orgoglio con il quale la popolazione di Bettona esprime e manifesta la propria Fede e devozione aldilà della tradizione.

CENNI STORICI

Il Crocifisso ligneo veniva e viene tutt’oggi usato per la scavigliazione (tolto dalla Croce) del Venerdì Santo; lo stile dell’intaglio ha le caratteristiche della seconda metà del XVI secolo e somiglia ad un Crocifisso che è esposto sull’altare del Crocifisso nella Cattedrale di San Rufino ad Assisi.

La particolarità che rende unico il Cristo sono le braccia mobili, queste infatti possono essere ripiegate tramite una cerniera. Questa caratteristica unica permette al Cristo la deposizione dalla croce per poter essere adagiato all’interno del Catafalco.

Del Crocifisso è ignoto il nome dello scultore, ma poiché l’anonimo autore fu saldato il 7 settembre 1561 nella casa del pittore Dono Doni, e probabile che vada identificato in un Pompeo Scarcioni da Foligno, l’architetto che porto a termine la ricostruzione della cattedrale di Assisi su disegno di Galeazzo Alessi e che intaglio nel 1573 una delle porte di accesso alla basilica inferiore di San Francesco di Assisi su disegno di Dono Doni.

 

Il Catafalco, probabilmente è risalente al XVII secondo e viene usato nelle processione del Venerdì Santo portato a spalla dai confratelli delle confraternite di Bettona.

 

La confraternita della Buona Morte vuole pubblicamente ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questo splendido restauro: padre Marcello Fadda nostra guida spirituale e padrino nel cammino intrapreso dai confratelli , la responsabile dei Beni Culturali diocesana dottoressa Francesca Cerri che ci ha supportato in tutte le pratiche burocratiche necessarie, la pro-loco di Bettona che ha mostrato attraverso il presidente Francesco Brenci profonda sensibilità contribuendo al restauro, i restauratori Giuseppe e Chiara di Keo Restauro ed i loro collaboratori che oltre ad aver svolto un ottimo lavoro ci hanno continuamente reso partecipi degli avanzamenti del lavoro inviandoci foto e notizie, il nostro parroco Don Maurizio che ci ha assicurato sempre il suo supporto ed aiuto, i Confratelli tutti, ma il ringraziamento più grande và a tutta la generosa comunità Bettonese che ci ha aiutato, sostenendoci economicamente e partecipando sempre con entusiasmo alle nostre iniziative di raccolta fondi, dal calendario della Confraternita alla cena che annualmente organizziamo a tutte le altre attività.

Nella foto  in bianco e nero il “nostro” Cristo adagiato sul catafalco.

 

 

 

 

 

 

 

Confraternita Buona Morte Bettona

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui Social