N’andra vita non c’è data, poesia di M. Vera Speranzini

Una bella poesia che ci fa capire l'importanza ed il valore della vita

0
147
naltra vita non ce data

 

N’andra vita non c’è data

La magia di Facebook è quella di poter esternare delle emozioni, a volte anche tristi, e quel post da me pubblicato mercoledì sera (riguardo la malattia di un caro amico) ha ispirato Maria Vera Speranzini (professoressa di lettere alla Carducci di Foligno) a scrivere dei versi in dialetto folignate inerenti la fugacità e la unicità della vita che stiamo vivendo.

Un modo semplice e diretto per poter apprezzare ogni istante e ogni giorno che viviamo, ricordando che “ogni secondo è un passo felpato e silente verso la fine…”

 

 

N’andra vita non c’è data

Che te devo di’ de ‘stu tempu…
Te posso di’ che non c’emo tempu
che corremo da la matina a la sera
pe scordasse anche de di’ ‘na preghiera.
So sei mesi che devo fa’ quella telefonata
e anche ogghj me so scordata
pe’ corre dietro a mille affanni
a tutti quanti li malanni.
Che poi so veri?
O so solo falsi pensieri
che ce semo missi ‘nta la capoccia
“Che armeno buon pro ce faccia!”
mentre non ce godemo lu presente
perché ghjà stemo all’imminente
a lu futuro pieno de gnjente!
Ma quanto sarìa mejo fa’ quella telefonata
fermasse pe’ ‘na chiacchierata
ascolta’ con attenzione chi ciài di fronte
e non pensa’: “Ma questu quanto rompe!”
Allora fermamo ‘sta corsa forsennata
che ‘n’andra vita non c’è data!
Bussamo a la porta de quillu parente
cercamo quill’amicu de sempre:
“Ho trovato un.po’ de tempu per te
adesso,veni qua, mettemoce a sede’
piamoce in pace, che ne so, un caffè.
Daje…arconteme de te!