DOMENICA 12/09 ESCURSIONE A SANT’ANATOLIA DI NARCO (PG). UNA BELLA ESCURSIONE FRA NATURA E CULTURA

Ore 9:00, Partecipazione gratuita

0
173
DOMENICA 12/7 ESCURSIONE A SANT'ANATOLIA DI NARCO (PG). UNA BELLA ESCURSIONE FRA NATURA E CULTURA
DOMENICA 12/7 ESCURSIONE A SANT'ANATOLIA DI NARCO (PG). UNA BELLA ESCURSIONE FRA NATURA E CULTURA

“Valnerina Experience”

“Le vie della Transumanza”

Percorso fra arte e natura

 

Nelle vicende umane di ogni cammino è un bastone a sorreggere la mente e tenere ferma la via da seguire. Ad ogni passo verso l’ignoto, il pellegrino e/o turista moderno vengono accompagnati da un bastone, a simboleggiare la fortezza di spirito e corpo.

Nell’itinerario “Le vie della Transumanza” proposto dal comune di Sant’Anatolia di Narco (PG) per domenica 12 settembre non è più uno strumento ad indicare la strada ma una sua personificazione animata: la guida escursionistica Stefano Rotondi, infatti, guiderà i turisti lungo le ‘rotte’ di luoghi misteriosi. Nel consueto binomio natura/cultura che contraddistingue tutti gli eventi firmati Valnerina Experience, il percorso prevede prima una passeggiata lungo il tragitto della transumanza, che lega fra loro i borghi di Caso e Gavelli, entrambi frazioni di Sant’Anatolia di Narco, e poi la visita alla chiesa di San Michele Arcangelo sita nel territorio di quest’ultimo. Tale sincronicità è sancita dalla rappresentazione ad affresco del Miracolo di San Michele Arcangelo, eseguito da Giovanni di Pietro detto lo Spagna sull’abside dell’omonima chiesa (1523 ca.). Nello sfondo di un asciutto e roccioso paesaggio della puglia garganica, all’interno di una grotta San Michele appare ad un gruppo di pastori e al loro pascolo. Non sollecitati dall’apparenza del santo, i pastori rivolgono la loro attenzione ad un loro toro, fermo nell’antro della grotta e con poca volontà di seguirli. Uno di loro, Gargano, dopo tanti richiami, persa la pazienza e accecato d’ira per la negligenza del toro, decide di scagliargli contro una freccia avvelenata. Ma, si sa, le vie del Signore sono infinite. Ad un epilogo scontato con il toro trafitto e morente subentra l’evento miracoloso, capace di generare l’impossibile: con l’intervento di San Michele la freccia cambia direzione e si scaglia contro Gargano, lasciando il toro incolume.

Baricentro narrativo dell’opera dello Spagna è, dunque, il toro, non affatto turbato dalla flessuosa ed effemminata presenza del santo, così simile al ciclo di uomini illustri raffigurati da suo maestro Pietro Perugino al Nobile Collegio del Cambio di Perugia. Ma il toro è anche uno fra gli animali trasportati dai pastori durante i periodi invernali ed estivi di transumanza.

Il dittico natura/cultura è finalmente ricomposto: dopo un’immersione nel cuore pulsante dell’Umbria, verde da sempre, ad inseguire le antiche vie della transumanza, ecco comparire un piccolo gregge ed un toro, speciale e protetto dalla presenza numinosa di Michele. Allo stesso modo, con cura e protezione, Stefano Rotondi incamminerà gli escursionisti verso sentieri apparentemente interrotti. Il comune di Sant’Anatolia di Narco invita a partecipare numerosi all’evento, concerto fra umano (cultura) e divino (natura).

Lunghezza itinerario a piedi: 11 km circa

Dislivello: 650+ mt

Difficoltà: E+

Durata: 4.30 ore circa (comprese le soste)

Il tracciato non presenta particolari difficoltà però richiede un buon allenamento e abitudine al cammino. Sono necessarie scarpe e abbigliamento da trekking.

 

L’ evento è parte del progetto “Valnerina Experience”- Avviso volto al sostegno alla realizzazione di progetti di valorizzazione e sviluppo dell’offerta territoriale e dei servizi ad essi connessi – Fondo di cofinanziamento dell’offerta turistica e POR-FESR 2014-2020 – Azione 8.7.1

 

Evento gratuito con prenotazione obbligatoria (0743-613149 int. 8 | info@museodellacanapa.it). Massimo 15 persone. DPI personali

Evento realizzato in ottemperanza alle normative Covid-19 vigenti.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui Social