Deruta la ceramica e dei grandi pittori

Uno scrigno che raccoglie dipinti inestimabili e una chiesa ineguagliabile

0
376

Deruta è situata a 15 chilometri a sud di Perugia su una collina che domina la valle del Tevere; la nuova parte si estende lungo la via Tiberina, parallela alla strada E-45 che va verso Roma.
Dell’antico castello rimangono alcuni tratti di mura, gli archi delle tre porte della città e le caratteristiche strade medievali che conducono in Piazza dei Consoli. In piazza si trova il Palazzo dei Consoli, oggi municipio, la cui torre del XIV secolo è adornata da bifore romaniche.

Il municipio ospita il museo della ceramica, dove sono esposte bellissime maioliche antiche locali, e la pinacoteca con inestimabili dipinti di varie epoche: un dipinto di Niccolò Alunno del 1458; uno stendardo di S. Antonio Abate dello stesso artista; una Madonna con Bambino e Santi della scuola di Pietro Vannucci, detto il Perugino; dipinti di Amorosi; di Gaulli, noto come Baciccio; di Reni; di Graziani, detto Ciccio Napoletano; un messale illuminato del 14 ° secolo; tele d’altare del XV secolo.

Inoltre, vi è un affresco dei Santi Rocco e Romano con vista sul paese (1476) recentemente attribuito al Perugino.

Di fronte al municipio sorge la chiesa romanico-gotica di S. Francesco con l’adiacente convento in cui Papa Urbano IV morì il 2 ottobre 1264. Il campanile del XIV secolo ha bifore ogivali. L’interno, costituito da una navata con abside poligonale, contiene numerosi affreschi trecenteschi di scuola senese.
Particolarmente notevole sul lato sinistro dell’altare è il martirio di Santa Caterina d’Alessandria (1339), manifestanti dei ceramisti di Deruta che si celebra ogni anno il 25 novembre e un altro affresco con la Madonna, il Bambino e i Santi di Domenico Alfani.

Nella vicina Piazza Benincasa si trova la chiesa di S. Antonio Abate, nella quale si può ammirare una Madonna della Misericordia con San Francesco e San Bernardo di Bartolomeo Caporali, e un affresco di Bartolomeo e GB Caporali con quattro scene della vita di Sant’Antonio che trae ispirazione dagli affreschi di Signorelli della Cappella di S. Brizio nel Duomo di Orvieto. Sull’altare maggiore si trova una statua di Sant’Antonio del XV secolo in ceramica policroma.
La città è famosa nel mondo per la sua arte ceramica, che risale al Medioevo. Le opere commissionate più antiche e importanti risalgono al 13 ° secolo. Ma il massimo sviluppo fu raggiunto dai maestri di Deruta a partire dall’inizio del XVI secolo. Grazie alla fama sempre crescente dei ceramisti di Deruta, i loro laboratori furono incaricati dell’esecuzione delle pavimentazioni della Cappella del Palazzo dei Priori e della Sagrestia della Basilica di S. Pietro a Perugia e della Cappella Baglioni a Spello . Nel museo civico di Deruta si possono ammirare resti inestimabili della pavimentazione della Chiesa di S. Francesco (1523-24).
Da allora le ceramiche di Deruta sono diventate famose per i loro motivi e forme decorative. Questi vasi, piatti e altri oggetti sono esposti in alcuni dei più grandi musei del mondo come esempi di notevole qualità pittorica.
Tra i maestri ceramici più noti di Deruta vi sono: Giacomo Mancini, detto “El Frate” (1545); Andrea di Cecco (1584), Lazzaro di Battista Faentino, Francesco Urbini, Gregorio Caselli (1770) e un certo “Paolo da Deruta” che nel 1516 lavorò sotto il grande ceramista Mastro Giorgio Andreoli di Gubbio.
Una documentazione unica delle ceramiche di Deruta è conservata nella Chiesa della Madonna dei Bagni, che si trova a 2 chilometri a sud di Deruta lungo la E-45 Road.
Le pareti della chiesa sono ricoperte di piastrelle votive in ceramica offerte dai credenti dal 17 ° secolo fino ad oggi. In una straordinaria gamma di pannelli policromi il visitatore può seguire il flusso ininterrotto della tradizione ceramica di Deruta e, inoltre, avere una visione della vita umbra e italiana negli ultimi tre secoli.

Video della chiesa Madonna del Bagno

 

Oggi la produzione di ceramiche artistiche costituisce ancora l’attività principale della città. Con oltre 200 laboratori e negozi di maioliche e una Scuola statale per le arti ceramiche, Deruta continua fedelmente le sue tradizioni artistiche storiche.