COME CUOCERE LE CASTAGNE

Idee e consigli per cuocere al meglio il classico frutto autunnale

0
69
Come cuocere le castagne
Come cuocere le castagne

Le castagne sono il classico frutto della stagione autunnale, da ottobre fino a dicembre sono spesso presenti sulle tavole di tutta Italia, per il piacere di grandi e bambini.

Prepararle per la cottura è un divertente passatempo e cuocerle è una vera e propria arte, con questo articolo vi suggeriamo diversi modi per farlo e alcuni piccoli consigli per un risultato perfetto.

Castagne al forno

Le castagne al forno sono spesso e volentieri le più amate e conosciute. Questa tecnica è quella più semplice e meno laboriosa.

In primis effettuare un taglio di almeno 2 centimetri sulla superficie delle castagne, andando in profondità per alcuni millimetri. Adagiarle poi su una teglia e mettere in forno a 220°C per circa 30 minuti, (prima della cottura inserire nel forno una pentolina con acqua, per creare la giusta quantità di vapore che aiuta la cottura e facilita l’operazione di distacco della buccia).

Infine avvolgere le castagne ancora calde in un canovaccio pulito per farle così intiepidire.

Castagne in Padella

Anche questo è modo molto usato per la loro cottura, o con la padella bucata o con quella normale, meglio se di ghisa, si tratta di una cottura che va seguita per tutto il tempo. Dopo il consueto taglio di 2 centimetri sulla buccia della castagna, disporle nella padella e iniziare la cottura con una fiamma media, muoverle spesso per evitare che si possano bruciare.

Se disponete di un caminetto, la cottura sulla brace sarà  ancora più naturale e tradizionale, anche in questo caso la padella deve essere mossa spesso per una castagna cotta in modo omogeneo.

Dopo la cottura posarle in un canovaccio inumidito e sfregarle tra di loro per facilitare il distacco delle bucce.

Castagne al sale

Si tratta di una cottura non molto usata ma da provare. Tenere in ammollo le castagne per una mezz’oretta poi effettuare il solito taglio. Porre circa 1 kg di sale grosso in una normale padella ed adagiarvi sopra le castagne per 30-40 minuti. Coprite con un coperchio e ogni tanto girate le castagne.

Castagne lesse

Questo tipo di cottura le renderà ancora più morbide e digeribili, viene usata per ottenere anche un composto per realizzare dolci, focacce o piatti a base di castagne.

In una pentola abbastanza grande mettete dell’acqua arricchita con foglie di alloro e rosmarino, o gli aromi che preferite maggiormente. Iniziato il bollore, (dopo il solito taglio di 2 centimetri), ponete le castagne nella pentola e fate cuocere per almeno 30 minuti.

Una variante, a chi piace, potrete bollirle anche con l’aggiunta di vino rosso.

Castagne sotto la cenere

Ovviamente per chi possiede un caminetto, è un modo molto antico di cuocere le castagne. Dopo il taglio porre le castagne su uno strato di cenere non troppo calda, (evitare la brace intesa, si rischierebbe di cuocerle troppo e di bruciarle), ricoprirle con altra cenere e attendere dai 20 ai 30 minuti circa, a seconda del calore emanato della cenere stessa.

Porre le castagne in un panno umido e sfregarle tra loro per facilitare il distacco della buccia.