Città di Castello omaggio a Leopoldo Franchetti

Il 1 Marzo, Teatro degli Illuminati un concerto gratuito

0
241
teatro degli illuminati

Venerdì 1 Marzo alle ore 21, la singolare ricorrenza per celebrare la vita e la storia del noto barone Leopoldo Franchetti, personaggio di spessore per Città di Castello, al Teatro degli Illuminati con la partecipazione straordinaria della Filarmonica Giacomo Puccini.

Un politico ed economista italiano, la cui morte fece uscire di scena una personalità di spicco della storia dell’Italia liberale e una delle figure più elevate che abbiano mai calcato la scena politica del nostro paese.

Venerdì 1 Marzo alle ore 21.00 al Teatro degli Illuminati di Città di Castello, la Filarmonica Giacomo Puccini sarà la protagonista indiscussa di un concerto memorabile, il cui ingresso è assolutamente gratuito, in ricordo ed omaggio alla vita e alla storia del celebre barone Leopoldo Franchetti.

Nacque in una famiglia ebraica livornese; i Franchetti, mercanti internazionali, si erano stabiliti nella città toscana dalla Tunisia e fino alla seconda metà degli anni trenta dell’Ottocento furono una delle più importanti famiglie della locale comunità ebraica.

Sensibile alle problematiche sociali ed economiche si appassiona in particolare al problema agrario, al miglioramento delle condizioni culturali e di vita dei contadini; nel 1880 insieme con il fratello Giulio avviò con l’aiuto di validi personaggi, a Città di Castello, la costruzione della sua futura residenza, Villa Montesca, ultimata nel 1900.

Questa maestosa abitazione è attualmente di proprietà della Regione dell’Umbria, che la utilizza come sede di un proprio Centro di Studi e Formazione.

Nell’evento patrocinato dal Comune e dalla Fondazione Hallgarten-Franchetti, sarà proposto un programma che tenderà a delineare abilmente la figura che ha inciso dal punto di vista culturale e sociale nella comunità tifernate tra l’800 e ‘900, con la direzione del maestro Francesco Marconi, i testi del professor  Francesco Banconi, con la brillante esibizione al pianoforte del maestro Simone Nocchi.

Un merito importante va attribuito alla banda guidata dal presidente Fabio Arcaleni che saprà celebrare piacevolmente la memoria del barone importante per Città di Castello; nell’ambito del programma del centenario della sua morte si contraddistinguono interessanti iniziative e proposte pervenute dalle associazioni del territorio, valorizzando l’eredità materiale e immateriale del lascito Franchetti.

L’avvio del concerto inneggerà “In Memoria ai Baroni Franchetti” (R.Arcaleni), proseguirà con “Intermezzo dalla Cavalleria Rusticana”, “Fantasia in Fa minore per Pianoforte e Banda”, “La Vedova Allegra”, “Amen”, “Condacum”, “Tra i Reticolati”, “La Leggenda del Piave”, “Crossing in the Bar”ecc…

Una bella fusione tra storia, viaggio nella memoria e musica all’interno di un teatro che merita di esser visto e vissuto. Il Teatro degli Illuminati è stato disegnato da Antonio Gabrielli e fu inaugurato il 25 agosto 1666, ci sono posti a sedere per circa 400 persone ed è utilizzato per la stagione teatrale, il Festival delle Nazioni e altri eventi sociali e culturali. ( per informazioni ci si può rivolgere all’Ufficio Cultura del Comune presso il Teatro degli Illuminati al numero 075.8522920).

Nel corso del tempo ha acquisito importanza la Fondazione Hallgarten- Franchetti con l’avvio al Centro Studi Villa Montesca…”l’educazione è una ginnastica continua dell’intelletto, della facoltà di osservare e del raziocinio” -Leopoldo Franchetti, un politico meritevole di esser conosciuto, le cui critiche e battaglie erano rivolte contro quei gruppi che in passato facevano prevalere i loro interessi individuali a discapito della collettività.