Vescia: la poesia sulla Befana di M.Vera Speranzini

Una poesia attuale che ci riporta ai tempi passati di alcuni paesi di Foligno

0
319

Ricordo  quella brutta Befana che spaventava noi bambini , avevo 6 o 7 anni ma la Befana mi regalò due caramelle, una all’arancia e una al limone, alla fine tornavamo tutti a casa aspettando un regalino di un’altra Befana, quella dei nostri genitori e nonni, emozioni del passato che non torneranno  mai più.

A proposito della interprete della Befana “Anna de Paganello”, voglio ricordare suo figlio Walter che ci ha lasciato in maniera prematura, che noi paesani di Scanzano non dimenticheremo mai.

“La Befana de lu paese mia

Quanno se avvicina la Befana
dopo Capodanno, a circa ‘na settimana
ecco che ce vene in mente ‘na vecchietta
co lu nasu lungu e su l’occhi ‘na veletta
una gonna lunga da comare
una scopa vecchia per volare!
Indossa le scarpe tutte rotte
che non se vedono la notte
du belle ganasse  tutte rosce
che beve un po’ de vino pe’ scallasse.
Un sacco pieno de cioccolate
merancole succose e maturate
quarche pezzu de carbone
se sei statu un po’ birbone…
ma se sai a memoria la poesia
te lascia quarchiccosa prima de annà via!
È mezza gobba, vita grama
ma se je dici che arsumija da ‘na dama
te guarda, abbozza un sorriso, ce crede
se aggiusta allora li occhiali da sole
e lu cappellu a la romana
co’ stu friddu… sia armeno de lana!
Un campanu  pe’ annunciasse
“Ce l’hai  lu green passe?”
– ja chiesto unu screanzatu
da lu virusse spauritu –
Lia senza scomponese pe’ gniente:
“Io da lu virusse so esente
so arzilla, vaccinata e sana
so pe’ tutti la Befana
scansete, famme lu favore,
devo arrivà a Belfiore
e se non me sento tanto male
fo ‘na capatina su per Pale…
di lì ce sta l’aria  fina
anche se porti la mascherina!
Ciò una scopa  pe’ volà su li cammini
fo felici piccoli  e grandi bambini!
Del resto  non fo niente de male
so’ solo in competizione
co’ tre sapienti
che vengono da l’Oriente!”
Mejo ‘na scopa
o mejo un cammello?
Io vojo crede a questo e a quello
anche se nutro una gran simpatia
pe’ ‘sta  Befana de lu paese mia
in sana contrapposizione
tra scienza e religione
che trova pace solo ne la nostra tradizione!
Buona Befana o Epifania
che tutte le feste portono via!”
Dedicata ad Anna Baldelli Pipistrelli (detta Anna de Paganello) che per anni ha allietato questa festa per i bambini del paese di Scanzano.
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui Social