Toffa-Brozzi, il cancro deve unire e non dividere

La triste vicenda che ha coinvolto l'imprenditrice perugina Catia Brozzi

0
795
Nadia Toffa- Catia Brozzi
Nadia Toffa- Catia Brozzi
Catia Brozzi si è trovata suo malgrado, messa nel tritacarne mediatico dei social l’anno scorso, per un post non in linea con il pensiero di Nadia Toffa, da quel giorno ha ricevuto una serie di insulti, offese, fino a minacce di morte. Chi ha ragione fra la povera Nadia Toffa e Catia Brozzi? La Toffa con la frase “il cancro è figo”, voleva sdrammatizzare la sua malattia, o forse intendeva sostenere il concetto che esso era una prova della vita e pertanto era quasi ben accolto. La Brozzi, legata ad una realtà più pratica e cruda, aveva una idea opposta, sta di fatto che l’unico ad aver avuto ragione è stato il cancro, che ha tolto la vita a Nadia Toffa. Di fronte ad una vicenda triste, c’era bisogno di fare tanto rumore e dividersi su tale argomento? Il cancro è un male crudele e impietoso che deve unire le persone e non dividerle, è un nemico comune che improvvisamente e casualmente può attaccare ogni uno di noi.

Il post della discordia

Il post che divenne virale era firmato dall’imprenditrice che a sua volta citava un messaggio di un’altra utente e fu condiviso da oltre 100mila utenti: “Era appena morta mia madre e leggere che il cancro è figo mi fece arrabbiare molto. Il cancro non è figo, il cancro è merda! ”

Le parole su Facebook di Catia Brozzi

“Non avrei voluto scrivere ancora per questa triste vicenda dove nel 2018 mi ci sono trovata “dentro” condividendo un post.
Dopo la sua morte sono stata chiamata da più giornalisti che volevano una mia dichiarazione.
Ho rilasciato solo una dichiarazione alla agenzia stampa AdnKronos confermando il mio pensiero di febbraio 2018.
Da due giorni ricevo messaggi con insulti e minacce…ho letto vergognosamente di Tutto.
A volte i social uccidono le persone come il cancro…
E qui spero di chiudere questa triste vicenda dove ancora ha vinto lui portandosi via un’altra giovane donna di 40 anni!”

La dichiarazione a AdnKronos di Catia Brozzi

‘Ciao Nadia, sono Catia, questa volta scrivo io. Non avrei mai voluto dedicarti queste righe…non così. Anche con te ha vinto lui! Tu Guerriera vera che con i tuoi sogni le tue speranze hai cercato di convincere il popolo italiano che ti segue che si può vivere con il cancro, che lui è figo! No Nadia non è figo e perdonami per la rabbia di quasi due anni fa ma avevo appena lasciato andare mamma e di figo nono c’era nulla”. Inizia così il messaggio che Catia Brozzi, l’imprenditrice di Perugia, presidente dell’Associazione Trasportatori cavalli italiani, diventata nota alle cronache per un post diventato virale su Facebook dove criticava la conduttrice delle ‘Iene’ e che la Brozzi ha voluto condividere solo con l’Adnkronos e non sui social network.

Sottolinea: “Tu guerriera vera che con i tuoi sogni le tue speranze hai cercato di convincere il popolo italiano che ti segue che si può vivere con il cancro che lui è figo!. No, non è così. Non è giusto quello che ti è accaduto, non è giusto che una donna giovane come te deve andarsene per il cancro. La mia rabbia oggi è maggiore perché avrei voluto dire: La Toffa aveva ragione…Null’altro da aggiungere…Perdonami se anche solo per un attimo mi hai trovato fastidiosa…”, conclude la Brozzi nel suo messaggio. Poi Catia continua: “L’ho ammirata, era un grande! vedevo tutti i suoi servizi ma non sono una ipocrita. Mi dispiace ma per me il cancro è una sconfitta dell’umanità”.

(fonte AdnKronos)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui Social