Poesia Natalizia: Cucì dicia nonnu mia

Di Maria Vera Speranzini

0
341
poesia di Maria Vera Speranzini
poesia di Maria Vera Speranzini

La professoressa Speranzini ogni tanto ci delizia con una poesia in dialetto folignate inerente i suoi ricordi di infanzia e le tradizioni vissute in un piccolo paese alle pendici del Monte di Pale, Scanzano di Foligno, ove ella è nata e cresciuta.

Oggi ci parla del Natale di tanti anni fa,, di quell’albero che le portava suo Nonno, Francesco Speranzani, che in paese tutti chiamavano “Chicchinu”. Un possidente terriero che conosceva ogni segreto della terra e delle stagioni. Una persona che sapeva quel che voleva, quel che faceva e diceva, che dalla terra tirava fuori “ogni ben di Dio”, che sapeva conservare e risparmiare, quando le cose si aggiustavano e non si buttavano via come accade oggi…

Cucì dicia nonnu mia

Me ricordo che tanti anni fa
l’arbero de Natale no lu duvii compra’
nonnu mia ne portava unu piatu lungo un fossu
non era né picculu né grossu
era …che ve dico?…justu
‘na specie de mezzu fustu
parìa che cìa le spine
invece era ‘na frasca de carpine
perché ” ‘Na pianta la poli pota’
ma non la poli caccia’ !”.
Cucì dicia nonnu mia
quando de Natale era vigìa!
‘Na bella coccia de terracotta pijava
e co’ ‘ mpo de terra lu piantava
non era de forma regolare
lu duvii un po’ aggiustare
ma nell’angolo sua
facìa la figura sua…
Le palline non erono tante
che putii anche contalle
ma ognuna cìa ‘na sua magia
‘na sua antica melodia !
Questa a forma di prugna
quell’altra pare ‘na pigna
ci sta lu soldatino de legno
vicino a lu compagnu
un angioletto de madreperla
che brilla vicino a ‘na stella
sotto co’ lu bue e l’asinello
ci stìa sempre lu Bambinello
Giuseppe co’ Maria
se facìono compagnia!
Io me mittio di lì davanti a guarda’
e putìo a occhi chiusi sogna’
de vola’ co le renne
e arrìa anche a Betlemme!

Maria Vera Speranzini.