Consigli per l’uso efficiente dell’aria condizionata e il risparmio energetico durante l’estate

0
122

Numeri e strategie per l’uso sostenibile dell’aria condizionata

Il condizionatore è diventato il nostro migliore amico con l’arrivo della prima ondata di caldo estivo. Tuttavia, date le alte tariffe dell’energia elettrica, è importante adottare alcune precauzioni per mantenere una temperatura piacevole in casa senza inflazionare la bolletta. In questo articolo, esploreremo alcuni suggerimenti per mantenere gli ambienti freschi senza necessariamente utilizzare l’aria condizionata e per utilizzarla in modo efficiente ed economico.

Numeri sull’aria condizionata in Italia

Attualmente, ci sono circa 26 milioni di italiani che possiedono un condizionatore in casa. Tuttavia, a causa delle bollette salate dello scorso anno, circa 2 milioni di persone hanno dichiarato di non voler accendere il condizionatore.

È importante fare attenzione alla corretta gestione di questi dispositivi poiché cattive abitudini possono avere un impatto negativo sulle spese energetiche.

La classe energetica del condizionatore fa la differenza quando si tratta di risparmiare. Più efficiente è l’apparecchio, minori saranno i consumi. Se si prevede di acquistare un nuovo climatizzatore, è consigliabile optare per un modello di classe A o superiore.

Passare da un condizionatore di classe B a uno di classe A++ può ridurre i costi annuali di circa il 40% (circa 50 euro). Per coloro che già possiedono un condizionatore un po’ datato, è possibile usufruire delle detrazioni fiscali, con un bonus che può arrivare fino al 65%.

Rimanere freschi senza l’uso del climatizzatore

Le ondate di caldo estivo degli ultimi anni ci hanno insegnato alcune strategie per mantenere la casa fresca anche senza l’uso dell’aria condizionata.

Ad esempio, è consigliabile ventilare le stanze nelle prime ore del mattino e tenere le tapparelle abbassate nelle aree esposte al sole. I ventilatori possono essere di grande aiuto: i modelli a pale montati sul soffitto, come quelli nelle camere da letto, sono efficaci nel garantire una ventilazione adeguata e un po’ di sollievo.

Prima di accenderli, è importante pulire accuratamente le pale, soprattutto se sono rimaste inattive per mesi. Pulire le pale dei ventilatori a soffitto è semplice, mentre per quelli con la gabbia protettiva di metallo si può utilizzare una bomboletta d’aria compressa.

Prima di utilizzarli, verifichiamo che il cavo elettrico e la spina siano integri. Inoltre, è consigliabile evitare di generare calore con l’uso di altri elettrodomestici, come il forno o il ferro da stiro.

Durante l’estate, prediligiamo piatti semplici a cottura breve, arricchiti da frutta e verdura fresca.

Per evitare la necessità di stirare i vestiti, stendiamoli accuratamente e pieghiamoli con cura.

Anche i dispositivi elettronici come il computer e la televisione generano calore, quindi è consigliabile spegnerli quando non li stiamo utilizzando, in modo da risparmiare energia elettrica e ridurre la temperatura.

Controlli di efficienza all’inizio della stagione

Prima di utilizzare il condizionatore all’inizio dell’estate, è opportuno effettuare alcuni controlli per verificare la sua efficienza. Gli apparecchi moderni non richiedono particolare manutenzione e di solito non è necessario l’intervento di un tecnico.

Di solito, è sufficiente estrarre il filtro di plastica, lavarlo con acqua corrente e asciugarlo bene prima di reinserirlo, seguendo le istruzioni del manuale di istruzioni. Avviando il condizionatore, se funziona correttamente, il controllo è completato.

Tuttavia, se il condizionatore è posizionato in luoghi difficili da raggiungere o se si sospetta una perdita di gas refrigerante, che può causare una riduzione dell’efficienza e uno spreco di energia elettrica, è consigliabile ricorrere all’aiuto di un tecnico specializzato.

Il livello di gas dovrebbe essere controllato periodicamente, soprattutto se il condizionatore è datato, e il funzionamento del condensatore dovrebbe essere verificato.

Nel caso in cui il climatizzatore perda acqua, prima di chiamare un tecnico, controlliamo che il serbatoio esterno di raccolta dell’acqua di scarico non sia troppo pieno: svuotandolo, risolveremo il problema.

Utilizzo ottimale dell’aria condizionata

Di seguito, riportiamo alcune buone pratiche per ottenere una temperatura piacevole negli ambienti senza influire troppo sui consumi energetici:

  1. Dimensione adeguata: Scegliamo la potenza del condizionatore in base alle dimensioni dell’ambiente da raffreddare. Un apparecchio sovradimensionato consuma più energia, mentre uno troppo piccolo avrà difficoltà a mantenere la temperatura desiderata nella stanza.
  2. Impostazione della temperatura: Il rapporto ottimale tra la temperatura esterna e quella ottenuta con l’aria condizionata è di circa 7-8 gradi in meno. Non è necessario impostare il termostato sui 18 gradi se fuori ci sono 32 gradi. Una temperatura di 24-25 gradi garantirà comunque un comfort senza aumentare l’impatto energetico.
  3. Raffreddamento selettivo: Raffreddiamo solo le stanze in cui ci troviamo utilizzando l’aria condizionata, mentre nelle altre possiamo ricorrere a ventilatori o semplicemente mantenere le porte chiuse per evitare dispersioni di fresco.
  4. Limitare l’uso: Durante le ore più fresche, al mattino presto e alla sera, evitiamo di accendere l’aria condizionata e utilizziamo solo i ventilatori.
  5. Mantenere porte e finestre chiuse: Quando il condizionatore è acceso, assicuriamoci di tenere chiuse porte e finestre per evitare l’ingresso di aria calda dall’esterno negli ambienti climatizzati.
  6. Sfruttare le funzioni avanzate: Gli apparecchi di ultima generazione offrono diverse soluzioni tecnologiche per il risparmio energetico, come il timer e l’inverter. Consultiamo il manuale di istruzioni per sfruttare al meglio le funzioni disponibili.
  7. Migliorare l’isolamento termico: Investire in doppi vetri e infissi a risparmio energetico può contribuire a ridurre il consumo energetico dell’intera abitazione.
  8. Approfittare di ambienti freschi esterni: Una serata al cinema o al teatro, o un pomeriggio in un centro commerciale climatizzato, possono essere un’alternativa piacevole per trascorrere del tempo al fresco, spegnendo temporaneamente l’aria condizionata di casa.

Utilizzando queste strategie, potremo godere di ambienti freschi e confortevoli durante l’estate, ottimizzando al contempo il consumo di energia.

E se proprio non sopportate l’aria condizionata

ci sono comunque diverse alternative per affrontare il caldo estivo e mantenere gli ambienti freschi:

  1. Ventilatori: I ventilatori sono un’opzione economica per creare una piacevole circolazione dell’aria. Possono essere utilizzati sia a soffitto che da tavolo o a piantana, a seconda delle esigenze. Posizionare i ventilatori strategicamente per favorire il flusso d’aria e creare una sensazione di freschezza.
  2. Schermatura solare: Utilizzare tapparelle, tende oscuranti o persiane per ridurre l’ingresso diretto dei raggi solari nelle stanze. Bloccando il calore solare, si può mantenere l’interno della casa più fresco.
  3. Ventilazione naturale: Sfruttare le correnti d’aria esterne aprendo finestre e porte in modo strategico. Durante le ore più fresche della giornata o durante la notte, è possibile creare un flusso d’aria attraverso la casa aprendo finestre opposte o posizionando ventilatori vicino alle finestre per favorire l’ingresso dell’aria fresca.
  4. Ombreggiatura esterna: Utilizzare piante rampicanti, pergolati o tende da sole per creare ombra sulle facciate esterne della casa. Questo può aiutare a ridurre il surriscaldamento degli ambienti interni.
  5. Isolamento termico: Assicurarsi che la casa sia ben isolata termicamente. Utilizzare materiali isolanti nelle pareti, soffitti e tetti può aiutare a mantenere la freschezza degli ambienti interni.
  6. Utilizzo di materiali freschi: Utilizzare tessuti leggeri e di colore chiaro per tende, coperture dei mobili e biancheria da letto. Questi materiali riflettono meglio la luce solare e assorbono meno calore.
  7. Riduzione dell’uso di apparecchiature elettroniche: Ridurre l’uso di elettrodomestici che generano calore, come il forno o il ferro da stiro, durante le ore più calde della giornata.
  8. Rinfrescare il corpo: Utilizzare metodi naturali per rinfrescare il corpo, come bagni freschi, docce o l’utilizzo di asciugamani bagnati. Bere molta acqua per idratarsi e indossare abiti leggeri e traspiranti.

Ricordiamo che, anche senza un condizionatore, è possibile adottare diverse strategie per mantenere gli ambienti freschi durante l’estate. La combinazione di queste alternative può contribuire a creare un ambiente confortevole nonostante il caldo.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui Social