La Cena di San Valentino in Dialetto Ternano

Una parodia della classica Cena di San Valentino in puro dialetto di Terni, tradotta da 2 ternani veraci

0
1371
la Cena di San Valentino
la Cena di San Valentino

SAN VALINDINU TRA PUISIA E IPOCRISIA

Traduzione in dialetto ternano di Mario Menghini

Carissimi ommini e carissime femmine, ma anchi carissimi bardascitti mii, doéte sapè che a Terni, pé le coppiette ‘nnamorate, la cena de san Valindinu cià un’impordanza che non te dico… è come lu ggiornu de Natale pé chi ce crede, oppure lu 25 aprile o lu primu de Maggiu pé chi è ateu. Nzomma, fattostà, mettemola come ce pare, ma tante de ste coppie, da quelle più andiche a quelle più novelle, stu ggiornu fatidicu s’artroano là li ristoranti a guardasse su le palle dell’occhi: lui tuttu sbarbatu, o co’ la bbarba elabborata, allisciata a leccata de vacca (che mò va de moda) e essa appena scappata fòri da la parrucchiera che sembra n quadro rinascimentale co un tòccu de Giuggiaru, lu stilista de le carozzerie de le macchine. Ma fino a mò tuttu è ne la norma: è lu 14 febbraiu!

Proamo mpò nvece a entrà, se semo bboni, drento a le capacce de ‘ste coppie che stonno a festeggià ‘stu grande amore.

Eccola là, la vidi? Quella è ‘na coppia de bbardascitti appena sbocciata: festeggia la prima cena de san Valindinu de la vita loro. La potemo chiamà la “coppia fresca”. Me sse strigne lu core pé la tenerezza arpenzanno a la cena mia de tantu témpu fa. Lui, lu bardasciu, è incerto, non c’è abbituatu a st’occasioni cucì speciali, cià un regalittu pronto drento la saccoccia e penza se po’ piacé a essa. Essa nvece s’è arvistita tutta quanta come una specie de via de mezzo tra ‘n carru de maggiu e una che de notte passeggia giù lu Lungonera… e penza. “Oh, se quistu qui massera me regala chiccosa, ma sopratuttu chiccosa che me piace, doppo je la fo’ io la festa! sennò po’ fa’ n vommitu come je pare e se la scorda pé sempre!

Da ‘n estremo annamo a ‘n andru: su lu latu oppostu de lu ristorante eccote du cristianucci attempati, carélli, tutt’addui co’ li capelli bbianchi, stonno a penzà se quella non fosse la loro urdima cena de Sammalindinu insieme. Guardono co ‘n tantinellu d’invidia quilli du’ bbardasci pocu più là e all’impruvvisu je passono davanti all’occhi tutte le cene de Sammalindinu fatte assieme e, ancora innamorati, s’arcomannanu a lu Santu.

Ma va ‘n po’ laggiù! Eccoli là, beccati jò n fonno, sull’angulittu più anniscostu de lu salone! È la “coppia clandistina”. Ma oggi non fa pià specie a gniciunu, non ce se fa più caso. Quisti ddue li vedi che fonno le lastre a tutti quilli che je passono davanti o che stonno su quell’andri taulini, pé vedé se ci sta quarchidunu che li conosce e che potrebbe arfà la spia. All’impruvviso lui vede la faccia dè ‘n amicu: lì per lì je pija n corpu! Po’ arpija colore e fiatu… anchi lui sta co’ l’amante, è annata bbene!

Dietro de me ce sta un taulinu co’ ‘na coppia assente, che non parla mae, a parte ordinà lo magnà. La potemo chiamà “la coppia stracca”. È ‘na coppia consumata. Essa co’ li capilli che se piastra là casa da per essa; lui co’ la stessa giacchettella che c’è jitu a lavorà tutta la sittimana. Tutt’addui rincitrulliti dà la noia de ‘n matrimoniu che strascinano da anni. Se sente odore de porvere da sparu: la coppia sta pé scoppià. Se scanzi chi può!

Più là ce sta la coppia “cervo de primavera”. Essa è ‘na super-Vampe, lui è pienu de dubbi; essa è felice e ride come ‘n ebbete: se capisce a vvolo che cià ‘n andru e che co’ la capoccia sta a festeggià co’ l’amante sua: anche questo è amore.

In menzu a lu salone te vedo ‘na coppia definita “in cura dallo psicologo”: colpa de lui. Se vede a occhiu che essa sta a provà de riacchiappasselo su e lu ‘mbriaca de parolette dorgi mentre tra sé e sé penza: je la devo smollà de più, devo fà più l’amante che la moje. Sta tutta in tiro, ringalluzzita e ‘mprofumata da fa’ girà la capoccia; Lui però sta bevenno un bicchierozzu de vino roscio, fa finta che tutto va bbene ma sta a penzà a le procaci bòcce de l’amante.

Più là, a mancina, ce sta “la famija felice”, almeno me pare cucì. Stonno a cena co’ cinque fiji che essa j’ha sfornato in cinqu’anni, non riescono manco a magnà pé tutto lo da-fà che je donno li bardascitti. Ma vabbè, almeno non s’annojiano. Lui dentro de sè sta a biastimà in Aramaico anticu, essa ‘nvece sorride felice, non s’accorge che lui gni tantu va su facebook a cercà la futura amante.