L a 5aB esce da Whatsapp e s’incontra da Winner

Dopo 35 anni si ritrova la mitica 5aB del Liceo Scientifico Guglielmo Marconi di Foligno

0
3342
5aB liceo G Marconi Foligno
5aB liceo G Marconi Foligno

Togliendoci di dosso la polvere dei giga, siamo usciti dal virtuale per incontrarci nella vita reale, “…poi ci troveremo come star a bere prosecco al Winner-Bar…”. Era questo il sound track che risuonava nel gruppo -Noi degli anni 80-, creato da Maria Cristina Colonia e dedicato a questa classe di  giovani 50enni.

Si è trattato di una ape-ri-cena, negli anni 80 avrei pensato ad una cena a base di Ape-Maya fritte, o ad un raduno di appassionati di Moto-Ape della Piaggio…:)

Una breve sintesi della serata

E’ stato un viaggio a ritroso nel tempo, maledetto tempo, 35 anni volati via come foglia d’autunno rapita da una folata di vento. Per impegni di lavoro, distanze e irrintracciabili, eravamo in 10, (sembrava uno di quei giorni di scuola quando la classe era dimezzata per l’influenza), con il Prof Cottini, se era assente Erica Ravagli quasi si metteva a piangere, se non ero presente io se ne fregava altamente.

Apericena 5aB Liceo G. Marconi
Apericena 5aB Liceo G. Marconi

Al tavolo da Winner, ci siamo disposti con la stessa logica dei banchi in classe, Trabalza-Petterini, Grisanti difronte a Colona, Ravagli e Cipolloni, il loro gruppo era circa questo. Il Conte Marco Elmi Pandolfi, (giustamente a capo tavola), non aveva Negri, il suo  ex compagno di banco, che ora vive a Milano ma che veniva aggiornato in real time via Whatsapp. Maur-One Botti al capo tavola opposto con a destra Colombatti vicino a Santopaolo, il sottoscritto vicino a Zucchi, che da buon Dottore si è ricordato di un mio malore (durante il viaggio della gita del 5o anno), per la mia “prima sigaretta”, mentre a lui ho ricordato che gli ho fatto conoscere i brani di Vasco Rossi, di cui è grande fan, (i due fatti sono nettamene scollegati fra loro).

tavolo 5aB liceo Marconi
tavolo 5aB liceo Marconi

Due belle ore fra visi erosi dal tempo, barbe, capelli bianchi e capelli biondi freschi di tinta di parrucchiera, immagini di 50enni, confrontate inconsciamente con quelli dei 18enni che eravamo, i ricordi e gli aneddoti che rimbalzavano negli anni 80 tra emozioni e nostalgia.

Alla fine ci siamo lasciati con l’impegno di rivederci in una cena vera e propria, tra Natale e Capodanno, auspicando che sia un giorno in cui posano venire anche gli assenti di ieri sera.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui Social