FOLIGNO: SULLA VUS SOLO POLEMICHE PRETESTUOSE E INFONDATE

Legambiente e 5 stelle attaccano il Sindaco Zuccarini sul nuovo Cda di Vus

0
286
vus foligno

Fermo restando il diritto di tutti di esprimere le proprie idee ed opinioni, in base a tale diritto, anche noi diciamo la nostra in merito ai continui attacchi verso la nuova Amministrazione del Comune di Foligno guidata dal Sindaco Stefano Zuccarini, in merito alla questione del cambio del Cda della V.U.S.

Tali polemiche non tengono conto del fatto che quando avviene um cambio politico rilevante, rientra nel pieno diritto di una nuova Amministrazione Comunale creare condizioni di continuita’ ed empatia ideologica e politica in Aziende Municipalizzate.

Il medesimo diritto e’ stato esercitato dalle precedenti Amministrazioni Comunali di Foligno, pertanto e’ improprio usare parole come arroganza e incoerenza (forse qualcuno ha la memoria corta o non conosce bene il vocabolario italiano o, meglio ancora, usa due pesi e due misure diverse).

Inoltre, tali polemiche, pur indirettamente toccano e offendono la volonta’ popolare dei cittadini di Foligno, del suo territorio e quella dei Comuni umbri che hanno appoggiato in queste decisioni il Sindaco Zuccatini. Bisogna rispettare la maggioranza degli elettori ed eletttrìci che hanno democraticamente ottenuto un cambio politico a Foligno dopo ben 73 anni di amministrazioni di sinistra.

La pretestuosità di tali polemiche si evince dal fatto che Legambiente Umbria si appresta a giudicare, come inadeguati i nuovi vertici V.U.S, vertici che ancora non sono ufficialmente insediati, pertanto la nota dell’ organizzazione ambientalista appare forzata e basata sul puro pregiudizio, se non addirittura fuori dai suoi ruoli e competenze tecniche e giuridiche. Metaforicamente parlando, (con rispetto per chi pratica questo sport), dovremmo aspettarci le polemiche anche di qualche associazione bocciofila umbra?

Si ricordino i signori delle opposizioni che siamo nel Comune di Foligno, ove governa la Lega e il centro-destra, non siamo a Roma dove si fanno i ribaltoni e gli inciuci soltanto per salvare le poltrone, tanto per ricordare ancora il significato delle parole arroganza e coerenza.