UMBRIA: FONDI REGIONALI, A CHI SI, A CHI NO

Una interpellanza specifica per evitare discriminazioni tra imprese per l'accesso ai fondi regionali

0
184
fondi regionali
fondi regionali

 

Il Consigliere Regionale, Andrea Fora, (Gruppo Misto), accoglie le istanze di quelle imprese che nate nel secondo semestre 2019, non hanno le caratteristiche necessarie e sufficienti per accedere ai fondi regionali della Regione Umbria, atti a contrastare la crisi economica derivante dal lockdown per il Covid-19.

Le giovani imprese sono di fatto discriminate rispetto ad altre e si sentono totalmente abbandonate in un momento particolarmente grave e difficile per lo svolgimento delle loro attività imprenditoriale.

L’interpellanza di Andrea Fora

– Al Presidente dell’Assemblea Legislativa Regionale

Oggetto: Interrogazione a risposta scritta in merito a urgenti provvedimenti in favore delle start-up e delle imprese costituitesi nel corso dell’anno 2019.

PREMESSO:

– che lo stato d’emergenza e il lockdown imposto  dal 10 marzo 2020 fino al 18 maggio scorso – per contenere al massimo la diffusione epidemica del virus covid19 –  tuttora in vigore per alcune tipologie d’impresa sta determinando gravissimi danni all’economia nazionale e regionale;

che la perdita del PIL della nostra regione raggiungerà livelli  drammatici;

che per far fronte alla crisi economica Il governo nazionale sta mettendo in campo misure straordinarie, da ultimo il decreto legge “Rilancio” ma che a queste ne dovranno necessariamente seguire delle altre;

che la Regione Umbria in data 22 aprile ha presentato un primo pacchetto di misure e di azioni per aiutare la ripresa dell’economia regionale, suddivise in 5 azioni principali in gran parte complementari con le prime misure adottate dal governo nazionale;

che l’accesso a queste misure è legato soprattutto alla quantificazione del danno derivante dall’emergenza covid rispetto al fatturato dello stesso periodo dell’anno precedente o comunque dell’anno precedente;

che è evidente che una impostazione di misure che dovesse poggiarsi solo su questo criterio taglia fuori da possibili e necessari contributi tutte le startup che non hanno un consolidato di fatturato e tutte quelle imprese ed attività la cui operatività è iniziata durante il 2019;

Tutto ciò premesso si chiede di conoscere:

Quali urgenti provvedimenti intende adottare la Giunta Regionale per contribuire al rilancio economico delle startup e delle imprese di recente costituzione, considerando che nella gran parte dei casi si tratta di iniziative imprenditoriali di donne e uomini che hanno scelto di mettersi in gioco nei mesi scorsi quando già la situazione economica regionale non fosse delle migliori e dunque sono da apprezzare anche per la capacità di accettare la sfida del mettersi in gioco per contribuire al miglioramento economico della nostra regione.

Perugia, 20 maggio 2020

Andrea Fora