RIAPERTURE: ATTENZIONE AI PROTOCOLLI DI SICUREZZA

Consigli per evitare Errori e Sanzioni nel riaprire le Vs attività commerciali e artigianali

0
253
sicurezza attività commerciali e artigianali
sicurezza attività commerciali e artigianali

 

Premesso che sono stati emanati Protocolli per quasi tutte le tipologie di attività, da parte dei Ministeri, dal Governo, dall’INAIL ed in molti casi, sono questi stati emanati tramite le Associazioni di Categoria. Tutto è stato dato ad interpretazione libera di suddetti Protocolli. Purtroppo in molte situazioni, nessuno ha consigliato ed affiancato gli esercenti e pertanto nessuno ha avuto almeno un passaggio formativo-informativo.
In molti si chiedono, cosa si intende per passaggio informativo, visto che hanno il Protocollo a disposizione.

Vi espongo alcuni chiarimenti in merito.
– Innanzi tutto, le linee guida, così come le sanzioni, sono scritte usando i verbi al condizionale. Pertanto il probabile controllo sarà del tutto ad INTERPRETAZIONE dell’Ente, Agente ecc. preposto a questo incarico.
– Il Protocollo che al suo interno ha delle Linee Guida basi che di solito i tecnici e/o certificatori conoscono, non sono così ben chiare per esercenti, consumatori e per preposti, ma danno la possibilità di libera interpretazione a chiunque.
Cito alcuni punti:
– “Sanificazione, igiene quotidiana, volta per l’attenzione al contenimento Covid-19”
– Le varie tipologie di sanificazioni: si deve sapere che per l’attenzione a garantire l’ambiente di lavoro salubre, si dovrà tenere un calendario dove si scrive; chi ha effettuato igiene e di conseguenza sanificazione. Se non avete schede tecniche del prodotto o più prodotti utilizzati per questa mansione, siete passabili di multa. Se non sapete spiegare come effettuate realmente la procedura di igienizzazione e quindi di sanificazione, incorrete in sanzioni.

– Un altro esempio che vi faccio riguarda l’usa e getta. E’ molto importante usufruire di questa possibilità in tale momento di riapertura perché, su una nota di marzo, l’Istituto superiore di sanità espresse il fatto che visto il possibile passaggio di questo Virus per vie salivari, è bene avere un certo tipo di attenzione. Il suddetto istituto non ha informato che le restrizioni saranno valide fino al 31 luglio (salvo proroghe), ma non si  spiega chiaramente che se venissero usati bicchieri, stoviglie  non igienizzati con l’attenzione che si deve avere, si rischia di aver sospesa l’attività dai 3 ai 5 giorni.

Regole e sanzioni

– l’Articolo di Regole e Sanzioni in questione è questo: “ Il mancato rispetto dei contenuti, dei Protocolli o delle Linee Guida Regionali o, in assenza, Nazionali che non assicuri adeguati livelli di protezione, determina la Sospensione dell’attività economica o produttiva fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Salvo che il fatto Costituisca reato diverso da quello di cui l’art. 650 del C.p.( Inosservanza dei Provvedimenti dell’Autorità). Le Violazioni delle disposizioni del Decreto, o dei Decreti e delle Ordinanze emanati per darne attuazione, sono punite con la Sanzione Amministrativa di cui l’ art.4 comma 1 del D.L. 25 marzo 2020, n° 19, che prevede il pagamento di una somma da 400 Euro a 3000 Euro. Aumentata fino ad un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo.

Nei casi in cui la violazione sia commessa nell’esercizio di una attività di impresa, si applica altresì la Sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o della Attività da 5 a 30 giorni. Ove necessario per impedire la prosecuzione o la reiterata violazione, l’Autorità Procedente può disporre la chiusura provvisoria dell’attività o dell’esercizio per una durata non superiore ai 5 giorni. Eventualmente da scomputare dalla sanzione accessoria definitivamente irrogata, in sede di sua esecuzione. In caso di reiterata violazione della medesima disposizione, la Sanzione amministrativa è raddoppiata e quella accessoria è applicata nella misura massima.

– Le mie personali conclusioni a tutto questo: molte poche aziende ed attività hanno procedure ad ok e protocolli interni per il mantenimento ed il contenimento Covid-19.
– Ad esempio, per avere una accurata igiene dei bicchieri od altro, non bastano 5 minuti di passaggio in lavastoviglie. E’ chiaro no!?
Spero di aver dato un pò di aiuto.

Buon lavoro a tutti.

Per ulteriori informazioni

 Roberta Casciola, Consulente Tecnico Formatore per Protocolli e Procedure di Igiene Ambientale  e della Persona. Certificatore ANMDO- IQC, nel Sanitario, Alimentare, Residenziale.

Info: robertacasciola@gmail.com
Tel: +39 338 3311770.