POESIA IN FOLIGNATE SUL CARNEVALE DI S.ERACLIO

Scritta dalla Prof.ssa Maria Vera Speranzini

0
282
coriandoli
coriandoli

Maria Vera Speranzini è una di quella “bambine cresciute” della Valle del Menotre, in particolare di Scanzano. Anche lei da piccola ha visto e vissuto il Carnevale di S.Eraclio, per noi bambini un qualcosa di eccezionale per quei tempi, quando non esisteva lo smartphone e bastava una manciata di coriandoli per divertirci.

‘Na manciata de coriandoli

Quanno la festa de Pasqua Epifania
tutte le feste ha portato via,
quanno la processione e la fiera de San Feliciano honno visto ogni brau cristianu, dopo che Sant’Antonio ha benedittu ogni animale, allora è tempu de entra’ dentro lu Carnevale!
Da Fuligno, la città mia
ce se sposta in periferia
verso un ridente paesello dotato ancora de fontana e anticu castello!
È lu paese de le maschere, de li carri colorati de li fiji vestiti anche da spauracchio…
daje…semo arrìati a Sant’Uracchio!
‘Sta festa è de antica data
a lungo preparata
da jente che se fa comunità
e l’ha saputo dimostra’.
Ce arporteno ogni anno a la fanciullezza a la spensieratezza a quanno bastava un po’ de zucchero filato ‘na mascherina sopra lu capu ‘na lacrimuccia disegnata pe’ Pierrot un pajacciu che da lu carru scenne ghjò pe’ mettese in mezzo a li fiarelli più piccoli, più grandicelli tutti con quell’aria sognante dietro a li colori de ‘na stella filante de un palloncinu tenuto su ‘na mano che te facìa piagne se volava lontano…
Non piagne..non piagne ma che fai?
Mica sei più un fiju…dai!
E se è volatu via lu tempu
fatte vede’ comunque cuntentu
che de coriandoli ne poli pià ‘na manciata e buttalli con forza contro ‘sta vita maleducata che lo putia anche di’ che era ‘na volata!
Sci li vojio tira’ su, ghjò, avanti e dietro artorna’ fiju per davvero!
Che m’hai visto a piagne vita mia tanto ingrata?
Non te offende,
ero vinutu solo a Sant’Uracchjiu a famme ‘na passeggiata e magari co’ li maschiri famme ‘na risata!

Maria Vera Speranzini