Poesia in dialetto folignate: “ciuf ciuf” di Maria Vera Speranzini

quel magico momento dell'arrivo della locomotiva a vapore

0
891
locomotiva a vapore
locomotiva a vapore

Eravamo a Scanzano di Foligno agli inizi degli anni settanta, quando erano ancora in uso alcune motrici o locomotive a vapore, utilizzate principalmente per il trasporto merci a corto raggio., il cosiddetto “ciuf ciuf” come lo chiamavamo noi bambini. La locomotiva ben descritta nella bella poesia di Maria Vera Speranzini, era anche chiamata dai ferrovieri “la signorina” perché disponeva di un particolare sistema che le permetteva di piegarsi in curva, insomma “sculettava” come una ragazza che voleva farsi notare.

Diceva il casellante Gigino Campagnucci, (scomparso troppo presto): “ecco, arria la signorina!…” Il nome del capo stazione invece non lo ricordo, tanto era antipatico e indisponente. Da quei tempi nacque in me una forte passione per i treni a vapore, che mi ha spinto a visitare il museo ferroviario di Portici a Napoli, ove ho ritrovato “la signorina”, dopo tanto tempo ancora bella e in forma come a quei tempi.

Ciuf Ciuf  

Li fiji de lu treno e de lo sole
erono tutti pronti su lu muritto de la stazione.
Zampette e ginocchi sgrugnati
majiette troppo corte e colorate.
Tanti sugni ‘nta la saccoccia
‘n brignocculu ‘nta la capoccia
assieme a du tre bijie pe’ non annojasse
un aereplanucciu de carta
pe’ meravijiasse!
L’orizzonte nostro finia alla stazione
tuttu lu munnu finia ‘nta ‘na bolla de sapone.
Niru come la pece bollente
Grossu ,pisu e tamantu
Soffiava come fosse gnjiente.
Arriava
e tutti li jorni ce meravijava.
Ciuffe Ciuffe!
Jiamo gridanno
Ciuffe Ciuffe!
Jiamo ridenno
Noijandri co’ le finestrelle ‘nta li denti
eriamo tantu cuntenti
intanto che lu trenu cambiava versu
‘nta le Poste, un binario mortu, missu de traversu .
Sparia no lu vidii più
armanjia solo lu rumore
Ciuff Ciuff
piagnenno… ciuff ciuff!
“Oh ariscappa fori
non te vedo più!
Te lo ricordi quanno da fiju
studianno la storia
cunuscisti il 27 gennaio, Jornata de la Memoria?
Ho arvisto binari de traversu, binari morti
fijiarelli cresciuti troppo presto, co l’occhji tristi…
ho arpenzato alle bijie, alle bolle de sapone
all’areoplanucciu de carta pe’ soffia’
sinno’ come facia a vola’!
A li trenini, a li pupazzi de cartone
A l’ome quanno perde la rajone
a li binari veri non fatti pe’ viaggia’
e neanche pe’ joca’!
Me ricordo nui fiju senza denti…ciuffe ciuffe
Me ricordo addri fiji…
ciuffe ciuffe…
non ciono più gnjiente!
Non potemo scorda’
che me devo arcomanna’?

Maria Vera Speranzini