Ivano e Jessica a cena per San Valentino

Ivano e Jessica due icone, come personaggi e attori, dei film di Carlo Verdone

0
435

 

Ivano è già seduto al tavolo e attende Jessica che sta in pauroso ritardo, per ammazzare il tempo guarda sul telefonino i goal di Totti e da classico burino tiene l’audio ad alto volume, infastidendo gli altri ospiti a cena in quel momento.

Poi capisce la gaffe, e mette gli auricolari, continuando a esultare come faceva Totti, con il dito a mo’ di ciuccio di bambino. Il siparietto è interrotto da Jessica, arrivata al tavolo che gli sferra un cinque dietro la nuca, Ivano toglie gli auricolari e Jessica dice: “iva’, nun stai in Curva Sud, cercamo de non facce arconosce come sempre…Hai ordinato?” Ivano: “Si si amo’, Ah Cameriereeee!… Proceda pureee!…” Jessica: “amo’, che ce magnamo?” Ivano: “na cosetta leggera: tre antipasti, du primi, una frittura de pesce na grigliatina, poi er dorce che piace a te, mascarpone, cioccolato e fragole….” Jessica: “che ccce bbevemo?” Ivano: “un prosecchetto millessimato…” Jessica: “amo, che vor di che quando lo bevemo ce ne danno pochi millimetri?…” Ivano: “ah Jes quanto sei gnorante!… Milllessimato vor di che è na bottija rara, scappata da la cantina cor contagocce…”

Arrivano le cibarie e la coppia inizia a mangiare, fanno rumore, magnano come sprocedati!

Jessica chiede a Ivano: “amo te interrogo: dove avemo passato er nostro primo San Valentino? Vojio vede se te o ricordi…” Ivano: “dunque, ecco ce so’, da -Mario o zinghero-” Jessica: “ e che ce semo magnati te lo ricordi?” Ivano: “ certo amo’, gamberoni arrosto, insalata de mare, crostini sarmonati, tajatelle allo scojo, risottino ai scampi, tonno su la grija e per finire… Du oratine al forno con contorno de cozze gratinate…” Jessica, “Bravo amo, te ricordi tutto e l’initmo mio te o ricordi?…” Ivano “embeh!… Brasiliana fucsia, proveniente direttamente da Rio de Janeiro…. e reggiseno, no nun ce l’avevi… E zinne stavano ritte da sole…” Jesssica continua con l’interrogazione: “Iva 5 anni fa dove semo stati a San Valentino?….” Ivano: “Semo stati a Ostia dal -Pescatore de frodo-…”
Jessica: “ e 7 anni fa che avemo fatto a San Valentino?…” Ivano: “avemo magnato la pizza de –Mustafà- da quer posto come se chiamava, a ce so’
-Pizza Eggiziana–“ Jessica si irrita: “ma che stai a di te confonni con quarche attra zoccola!…Io stavao a casa co a Febbre num me ricordo de sto Mustafa’, brutto stronzo ecco perchè sei artornato ae nove e 47, m’hai incornato, li mortacci tua e de tu nonna!…” ivano si difene: “ ah Je n’ fa la stupida… Ho girato tutta Roma pe trovatte e pizze a forma de cuore, nun te ricordi?…” Jessica: “ah è vero c’hai ragione…Volevo vede’ se me dicevi na bucia….E 10 anni fa do semo stati a San Valentino?” Ivano pronto: “nel 2010 semo stati a Trastevere da -la galera del gusto- e avemo magnato: spaghetti a carbonara, coda a la vaccinara, la trippa, agnello scottadito, carciofi alla romana, il tutto annaffiato da vino rosso dei Colli Albani… E me ricordo che hai dato pure scandalo, invece de na gonna ch’avevi n’ pezzetto de stoffa…“
Jessica: “e dove avemo fatto sesso selvaggio quella sera?…” Ivano: “sui secchi de la monnezza de via Bolzena…Tu appoggiata a li bidoni, certo che avemo proprio fatto na zozzeria…” Ivano ora interroga Jessica: “Che te ho regalato al primo San Valentino?…” Jessica: “a collana de perle de plastica usata che hai comprato a Porta Portese”… Ivano: “era de perle de fiume che plastica… Vabbhè e a quello de nove anni fa che te ho regalato?…” Jessica: “M’hai regalato l’imitazione del Rolex, un falso autentico sempre piato a Porta Portese…”

L’orologio segna le 11, il tavolo è pieno di piatti con pochi avanzi, hanno “magnato come cinghiali”… Ora entrambi all’unisono puliscono i denti, con lo stecchino, coprendo la bocca, per educazione ma esagerano, come sempre, fra succhi e risucchi…
Finisce per prima Jessica che dice: “Ivà, ma che c’hai fra li denti, n’ coccodrillo?…” Ivano: “no, no amo’, una lischetta fra er molare e il canino…”.

Jessica inizia a battere con le unghie affilate sul tavolo, è impaziente perchè aspetta il magico momento del regalo di San Valentino.
Ivano comprende e mette la mano in tasca per prendere il pacchettino, si alza in piedi, sgrufola su tutte le tasche, non trova il regalo, lo ha dimenticato a casa, schiarisce la voce e dice: “amo’… Te devo di na cosa…” Jessica sorride, (si aspetta qualche bella parola d’amore) ma Ivano dice imbarazzatissimo: “ amo’… Te devo di na cosa: me so scordato er regalo a casa… me dispicae, scusame tanto…”.
Jessica con un balzo felino sale sul tavolo e si mostra in tutta la sua forma e bellezza, sembra una rock star: vestito nero aderente, scavato dietro, corto a livello inguinale, capelli un po’ su e un po’ giu’, spettinata, tipo sexy e selvaggia, romana-burina.
Un signore che mangia con la moglie accanto, interrompe il gesto di mettere in bocca gli spaghetti, e osserva estasiato, la moglie gli da un cinque dietro la nuca e l’uomo abbassa lo sguardo e mangia sottomesso come un cane bastonato. Un’altra signora, ammirata, scatta foto a Jessica con il telefonino, mentre un’altra inizia la diretta in Facebook della scenata in arrivo, infatti Jessica dice: “sapete che ha fatto sto burino, sto borgataro, sto barcarolo, sto coattone, sto scaricatore de porto?
Si è scordato il regalo di San valentino, ha rovinato tutto, ha rovinato quel magico momento in cui una donna si sente amata, considerata, sto cafone,sto caciottaro me ha fatto scenne dalle stelle, alle stalle! Io, io che me so messa er perizoma leopardato, abbbinato col reggiseno, 150 euri! Sta camicetta de seta, artri 200 euri, sto vestito firmato de Dorce e Gabbbana, 500 euri, ste scarpe pitonate, tacco 20, altri 200 euri…
Insomma sto sui mille eruri per sta cazzo de cena e sto rincojonito se scorda er regalo, mortacci tua e de tu nonna!…”

La figura di m è servita… Jessica scende dal tavolo-palcoscenico e afferra stizzita il suo cappotto rosso che tiene dietro la spalla ed esce dalla sala, stile modella.
Ivano si alza, sconsolato e rivolgendosi agli ospiti del ristorante dice imbarazzato: “vi prego di scusarla, è nervosa, gnè morto da poco il pappagallo coreano… Scusate ancora…Scusate… Bona sera a tutti…”
Ivano va alla cassa: “il conto grazie”, il titolare: “subito: sono 149 e 50”, Ivano paga con 3 biglietti da 50 euro e dice da gran signore: “lasci pure, tenga il resto…”
Corre verso l’uscita gridando “jessica dai nun fa cosi me devi da perdonà….Scusamee, scusameee!…” All’uscita dal locale scivola e da una craniata alla porta e borbotta. “porca puttana, che botta, mortaccci tua…” e contina: “Jessica ando stai? Viè quaà nun rovinamo la serata de San valentino….Vie quaaààà!…”

Jessica sta in macchina e sul telefono guarda il suo video su Facebook che ha avuto 3258 like e 480 cmmenti! Jessica ha spopolato!