Il Popolo Umbro

Le tavole eugubine

0
362
tavole eugubine del popolo umbro
particolare delle tavole eugubine del popolo umbro

 

 

Nel primo millennio a.C. spunta la civiltà e la cultura del Popolo umbro. Prende così avvio, praticamente, la Città Stato a struttura prevalentemente religiosa. Gubbio ne fu la capitale e nelle Tavole Eugubine ha la principale testimonianza. Alla triade romana di Giove, Marte e Quirino, Gubbio proponeva altra triade di dei: Giove, Marte e Volfiono, tutti con l’attributo di Grabovio (Roccia).

Ai tre dei erano dedicati tre templi, tre vie e tre porte. La Tutà Ikuvina (Città Giovina, di  Giove, cioè Gubbio, che dal dio Giove ha tratto il nome) estendeva le sue mura di massicci blocchi di pietra di travertino spugnoso pressappoco nell’attuale quartiere di S. Giuliano, con tre porte.

La più grande testimonianza del popolo umbro sono le Tavole Eugubine fortuitamente giunte fino a noi  in stato di eccellente conservazione e ben custodite in apposite vetrine girevoli, nella Civica Pinacoteca. Le Tavole Eugubine sono sette lastre di bronzo rettangolari scritte, o meglio, incise da leggersi da destra verso sinistra.

Furono rinvenute nei pressi del Teatro Romano di Gubbio, nell’anno 1444 da certo “Paulus Gregoriensis, habitator Schigiae…” e da questi vendute al Comune di Gubbio. Le Tavole Eugubine, secondo il Prof. Devoto, traduttore delle medesime, sono il più importante testo rituale di tutta l’antichità classica, in quanto non si possiede nulla di simile ne in lingua latina ne in quella greca; per trovare paralleli bisogna ricorrere a letterature del vicino e lontano oriente.

Le Tavole Eugubine sono scritte in due lingue: umbro locale derivato dall’etrusco perugino cortonese ed il lingua latina d’epoca sillana e risalgono a più di due secoli a.C..

Tavole Eugubine: particolare di una tavola

 

Alfabeto Umbro

composto da 14 lettere e 4 vocali

alfabeto del popolo umbro

 

L’alfabeto delle Tavole Eugubine è formato da 14 lettere e quattro vocali (manca la “o”). Nel testo sono ritualizzate cerimonie religiose e processioni di fedeli.

Altro particolare da riferire è che la Città Stato di Gubbio già nel quinto secolo a.C. aveva una sua zecca; soltanto Todi, in Umbria, e più giù Roma l’avevano. Una serie di monete umbre di quell’epoca sono esposte in una vetrina vicino alle Tavole Eugubine.