I VANDALI DELLA FIORITURA DI CASTELLUCCIO

Quando l'inciviltà incontra la stupidità

0
2071
I vandali di Castelluccio

Fra la gran quantità di turisti che si sono recati ad ammirare l’incantevole spettacolo della fioritura di Castelluccio, ci sono i soliti “Unni” che alla stregua di Attila hanno calpestato quel meraviglioso tappeto, incuranti di deturpare tale bellezza e di arrecare danno alle piante delle famigerate lenticchie e agli stessi agricoltori della zona.

I vandali di Castelluccio
I vandali di Castelluccio

Auspichiamo che questi soggetti siano stati individuati e sanzionati, ammesso che esistano provvedimenti amministrativi in tal senso, sta di fatto che occorre una costante vigilanza per evitare simili scempi ma soprattutto va spiegato ai turisti che la fioritura di Castelluccio non è un semplice prato che cresce spontaneamente come un normale prato di margherite, ma è il frutto del lavoro di tanti agricoltori che traggono sostentamento dalla coltivazione delle lenticchie.

Simili spiacevoli e gravi episodi, debbono far riflettere sul fatto che i turisti sono benvenuti, ma quando questi aumentano in modo esponenziale è evidente che il territorio subisce una certa pressione, quindi occorre una adeguata strategia regolamentare per salvaguardare l’ambiente e il lavoro degli agricoltori stessi.

Pertanto il prendere coscienza di tali situazioni e problematiche, non significa generare polemiche, ma è sempre bene prevenire invece che curare.