Due scenette in Dialetto Folignate, dal Concorso Ing. Pietro Petesse

Altri due simpatici brani scritti in dialetto di Foligno, quello di un tempo, dei nostri nonni e dei nostri padri

0
335
Foligno, foto d'epoca
Foligno, foto d'epoca
Torniamo a pubblicare altri due brani in dialetto folignate, raccolti dal materiale che mi ha gentilmente inviato la Professoressa Maria Vera Speranzini.
Per chi non avesse letto i precedenti, spieghiamo brevemente che tali scritti sono il frutto di un concorso, (a cui hanno partecipato le scuole secondarie di primo grado di Foligno), dedicato all’Ingegner Pietro Petesse, edizione 2018, “dialettiamo”, dove il tema o argomento era quello della valorizzazione del dialetto folignate.
Il concorso è stato vinto dalla scuola secondaria “Carducci” di Foligno.

Visto il grande interesse che i precedenti scritti hanno suscitato nei nostri lettori, (ma eravamo certi del successo dell’articolo), proponiamo oggi, altri due brani, che parlano di scuola.

Parlamo de scola

-“Senti un po’ Jovanni, volemo parlà de la scola ogghij?”
_” Scine, parlamo de scola”
-“Io, per quillu che me ‘rconta lu nipote mia, vedo che le cose so cambiate tanto”
-“Parlono de scola dell’obbligo o dell’obbligo de la scola…io non capisco perché ce li vojono manna’ pe’ forza, ‘sti pori fiji, stonno tanto vene su pe’ lu divanu de casa a scrive su facebbukke per ore e ore, ‘mbè anchi dello non ‘mparono chiccosa?…magari ‘mparono le virbonate…”
-“Ma che stai a dì, ti s’impazzitu anche tu…”
-“Ma te lo ricordi che nuiandri ce vuliamo ji a la scola e non ce mannaono…una vorda venne a casa la maestra a cercamme, dicìa che erono troppi jorni che non m’arvidio lappe la scola…papà mia, armase un po’ male perche la sora maestra era sempre la sora maestra.
Papà mia nun sapia che disse ma doppo, siccome era lu fiju de parlà chiaru, jie rispose cuscì:
“Oh maè, tu ciai rajone da venne ma anch’io non cio’ tortu……stu fiju è l’unicu che me fatica, quell’andri o so troppu picculi o so malaticci…come la manno avanti la famija mia? Co li quaderni e co li libbri nun ce se magna e poi voli sapè…non ciò manco li sordi parfaje le scarpe, era mejo che lu mannavo a scola scarzu cuscì…
Io m’ero missu ‘nto ‘n cantucciu e manco arzavo l’occhij da terra, me dispiacia desse fiju de ‘mporacciu ma papà mia, dicia la verità e la verità non cià prezzu…
Inzomma ogni vorda che vedo lu nipote mia fa tante fregne pe’ ghji a scola me vene in mente de quella vorda… che piagnenno pe’ la sfurtuna che m’era capitata, non porzitti ghji a la scola.
Io me misi a piagne come ‘n fiarelllu picculu ma ‘nto ‘n mminutu me s’aprette un munnu…dissi tra me e me, anche se ero senza scarpe…che se ‘n jiorno issi avuto li fiji mia, mi sario ‘mpegnatu anche la camicia pe’ mannalli a scola…. Oh… cucì ho fatto… li fiji mia l’ho fatti studià tutti e dui…ma li sacrifici, solo la mojie mia li sa…emo magnato pane e patate perché la carne c’era solo la domennica..”
-“E’ vero mannà un fiju a scola costa ,nsacco de sordi: li libbri, la cartella, l’ quaderni, l’ abbise e poi duvii jii custuditu, arpulitillu su, che se lu maestru te troava le ogne sporche…duvii sintì che vacchettate su le deta…
Ogghij invece le cose so cambiate, tutti devono ji a la scola e se lamentono ,nco…
Non capiscono ‘sti fiji, ma poesse che nisciunu je l’ha ditto, che a la scola se ‘mparono tante cose,’mpari a parlà, a fa li cunti, a sapè quello che dici, ,mapari a sapè sta su pe’ stu mummu, a rispetta’ la jiente e le idee dell’andri, inzomma ‘mpari che l’ignoranza è ‘na vrutta vestia, che te fa vedè li nemici in ogni locu, te po’ fa penzà co’ la capoccia dell’andri invece che co’ la tua.
Allora che jie dicemo da sti fiji che non vurriono ji ala scola…
Je dicemo cuscì:” Vacce a scola, arrizzete a bonora,
sta attenti, nun te perde ‘na parola
fa come Pietro de Petesse
lue l’ha capito come putia esse
allora anchi co’ lu friddu o co la vrina
se arzava prestu la matina
magari se mittia
du paia de carzuni
‘nun dia ascordo da li fannulluni
Studiava da picculu, ch’era ‘mpiacere
Fino a cchè diventò,’ngegnere!

La bidella Luigina

Nonno. – ”Mattè, ogghij come t’è ghjita la scola?”
Matteo – ”Beh, nun me posso lamentà?” Ciò avuto du ore de italiano, una de musica, due de ginnastica e una de Luigina?”
Nonno – “Luigina, chì è, che materia te insegna ‘sta Luigina?”
Matteo: ”ora te spiego nonnu mia… devi sapè che a la scola mia ci sta ‘na bidella che te vole vene e te lo dimostra anche quanno s’arrabbia”
Nonno: ” Racconteme um po’ che succede la matina…”
Matteo: “ Devo dì che certe vorde non je la fo’ a sta drendo la classe pe’ sei ore, e me sento de scappà su pe lu corridoio oppure de ji al bagno do ce trovo quarchidunu come me che non je la po’ fa’ a sta’’nta la classe pe’ sei ore”
Nonno: ”A li tempi mia nun te putii sognà de fa’ cucì… se lo facii eri un ribelle, eri un somaru… la strada tua eri segnata… duvii ji a fatica’…”
Matteo: ” Invece a scola mia ci sta Luigina co’ quell’altra bidella nova che se chiama…, loro due so’ du’ sante, se un professore te richiama, loro trovono le parole jiuste, te capiscono, te stonno a sintì… è tanto difficile fasse ascordà dali adulti… loro vonno pe’ la strada loro e non capiscono che poli avecce li problemi anchi tu…
Dicono: ” che problemi ciai, che te manca, non te manca gniente, devi esse cuntentu…”
Invece anchi io ciò li pensieri mia… saronno li penzieri de unu che cià 12 anni, però so penzieri, so preoccupazioni…”
Allora quando te dico che all’urdim’ora e quarche vorda anche alla prima ora, ciò Luigina, te dico che quellu postu lì su lu corridoio se trasforma in un tempu jiustu, un tempu che me serve, quillu di lì è lu tempu mia!