COVID: UN GRUPPO SANGUIGNO E’ MENO A RISCHIO

Lo conferma uno studio della Società americana di Ematologia, pubblicato sul portale Blood Advances

0
169
Gruppo sanguigno
Gruppo sanguigno

Noi di Umbriaoggi.it, riguardo il problema del Covid-19, abbiamo sempre mantenuto una linea editoriale pervasa da ottimismo e speranza, invitando comunque alla prudenza e al rispetto delle regole e norme in vigore.

Continuando su questa strada, siamo maggiormente propensi a pubblicare notizie che possano contribuire alla tranquillità delle persone, evitando di soffiare sul fuoco del terrore o di continui allarmismi, come la medesima, pubblicata da adnkrnoso.com.

Covid, studio conferma: c’è gruppo sanguigno che corre meno rischi

ESTERI

Covid, studio conferma: c’è gruppo sanguigno che corre meno rischi

(Afp)

Uno studio della Società americana di Ematologia, pubblicato sul portale Blood Advances, conferma che c’è un gruppo sanguigno meno esposto al contagio da Covid. La ricerca, infatti, su cui si sofferma ‘La Legge per tutti‘, ha concluso che le persone di gruppo 0 corrono i rischi minori.

“Sono stati messi a confronto i dati di 473mila danesi sottoposti a prove sul Covid con quelli di un campione di popolazione di oltre 2 milioni di persone, considerando anche la loro origine etnica, visto che la distribuzione dei gruppi sanguigni può variare in base a questo fattore. L’esito rivela che il numero di pazienti positivi con sangue di gruppo 0 è molto inferiore rispetto a quelli con sangue di tipo A, B o AB – si legge su ‘La Legge per tutti’ – Oltre a questo, sono stati monitorati i dati di 95 persone ricoverate per Covid in condizioni critiche in un ospedale di Vancouver, in Canada. Secondo i ricercatori, il virus si sarebbe manifestato in forma più grave tra i pazienti di gruppi A e AB rispetto a quelli con sangue di tipo 0 o di tipo B: i primi richiedevano più frequentemente la dialisi per insufficienza renale ed erano più predisposti alla ventilazione artificiale per problemi polmonari. Inoltre, i pazienti A e AB restavano ricoverati più a lungo in terapia intensiva”.

“Secondo gli autori della ricerca – prosegue ‘La Legge per tutti’ – il fatto che il gruppo 0 possa essere più resistente al Covid può essere dovuto alla presenza nel sangue di Isoagglutinina, un anticorpo che reagisce con un isoantigene presente sulla superficie di globuli rossi di soggetti della stessa specie e che impedisce che il virus vi resti ancorato. Ad ogni modo, gli esperti chiedono di non arrivare a delle conclusioni frettolose e di evitare di classificare la popolazione in base al gruppo sanguigno: anche chi appartiene al gruppo 0, avvertono, può ammalarsi di coronavirus a causa dell’età, dell’obesità o di altri fattori”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui Social